00 6/9/2010 1:00 AM
Caritas in Veritate, bene comune, poliarchia e Settimane sociali
Il 10 giugno la tavola rotonda conclusiva della Scuola di formazione "Luigi Sturzo"





ROMA, martedì, 8 giugno 2010 (ZENIT.org).- Si concluderà, giovedì 10 giugno, con una tavola rotonda, la Scuola di formazione politica "Luigi Sturzo" organizzata dal Centro Studi Tocqueville-Acton in collaborazione con Rubbettino Editore.

L'iniziativa, intitolata “Caritas in veritate, bene comune, poliarchia e Settimane sociali dei cattolici italiani”, vedrà, a partire dalle 17.45, la partecipazione dei professori Flavio Felice e Luca Diotallevi, rispettivamente presidente e membro del comitato scientifico del Centro Studi Tocqueville-Acton. Con loro interverranno, i professori Antonio Cocozza e Paolo Armellini. Modererà il giornalista economico di “Panorama” Marco Cobianchi.

Al termine del percorso della Scuola di formazione dedicata all'enciclica “Caritas in veritate” di Benedetto XVI, gli organizzatori hanno deciso di soffermarsi su una delle naturali declinazioni del magistero sociale cattolico: le Settimane sociali, che da diversi decenni costituiscono un momento di riflessione sul medesimo e accompagnano la crescita e la consapevolezza della Chiesa italiana, e in particolare del laicato, sui problemi più urgenti del nostro Paese.

Quest'anno che la 46a Settimana sociale avrà luogo in ottobre (14-17) a Reggio Calabria, il documento preparatorio ha preso le forme di una vera e propria "agenda della speranza" con concreti spunti di riforme esperibili per la situazione italiana.

Il fatto da sottolineare è la netta evoluzione nell'apertura verso le prospettive di analisi delle scienze sociali che affiancano gli orientamenti teologici e pastorali naturalmente caratterizzanti simili documenti.

La cifra di questa evoluzione è l'accoglienza del paradigma poliarchico, una via di studio delle democrazie contemporanee nata dalla riflessione del politologo statunitense Robert Dahl e qui applicato in estensione e profondità per comprendere causa e natura delle emergenze che attanagliano il nostro paese.

In questo compito sarà determinante proprio il vicepresidente del comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali, il prof. Luca Diotallevi, che in un recente studio edito da Rubbettino (“Una alternativa alla laicità”), ha trattato a fondo il ruolo dei contenuti religiosi nelle poliarchie contemporanee, cercando di dimostrare l'oppornità che il paradigma continentale della laicité (o laicità alla francese) vada superato in direzione del paradigma anglossassone della religious freedom.

Al termine della tavola rotonda, verranno consegnati gli attestati di partecipazione ai frequentanti della scuola di formazione. La partecipazione è libera e aperta a tutti.


[Per maggiori informazioni: www.cattolici-liberali.com]