00 12/30/2009 1:19 AM
incontro con Benedetto 30/10/09
30/10/2009
Dalla primavera di quest’anno mia sorella, astronomo e collaboratore della Specola Vaticana, mi ha messo una pulce nell’orecchio circa la possibilità di avere un’udienza col Papa.

Lei infatti ha curato una mostra gratuita che si sta tenendo ai Musei Vaticani (prossima ormai alla chiusura) sull’astronomia da Galileo ad oggi e il direttore della Specola aveva detto che sarebbe stata organizzata una udienza con il Santo Padre per gli astronomi presenti all’inaugurazione della mostra. Così, mentre tutti si portavano le rispettive mogli, lei si è portata me come accompagnatrice [SM=g6794] [SM=g6794] [SM=g6794] .

Non vi dico la tensione e l’emozione… non vedevo l’ora che venisse questo giorno…. Così, dopo aver prenotato due stanze alla Domus Santa Marta (sì, proprio quella dove alloggiano i cardinali per i conclavi, e ovviamente due perché, per ovvie ragioni, non esistono stanze doppie!! [SM=g6794] ), arriva il grande giorno….

Siamo stati ricevuti nella Sala Clementina, a me è toccato un posto nella seconda fila di sedie… eravamo distanti dalla poltrona papale, ma figuratevi!! Così, dopo un ritardo di circa 10 minuti, col cuore che batteva forte [SM=g9503] , ecco cominciare ad entrare il segretario di Stato, i fotografi e…..lui!!!! Piccolo grande uomo che sei, meravigliosa creatura… [SM=g9503] [SM=g9503] [SM=g9503] Ha fatto un saluto generale e letto il discorso in inglese (devo dire che il suo inglese è difficile da seguire per via della pronuncia), dopodiché sono stati invitati a presentarsi a lui un gruppo di americani facenti parte del gruppo che ha sponsorizzato la mostra (non mi ricordo neanche qual è) e poi il direttore della specola ha cominciato a far venire i presenti ad uno ad uno presso il papa per salutarlo personalmente… io ero già mezza cadavere… [SM=g9434] [SM=g9434] Quando è stato il turno di mia sorella (io ero subito dietro a lei), non facevo altro che fissarlo, ero imbambolata… e quando il direttore ha detto “e questa è la sorella” invitandomi a farmi avanti… Beh… avrei voluto dire mille cose e non ho detto nulla, soltanto gli ho subito baciato la mano



e poi mi sono incantata a guardarlo negli occhi [SM=g9434] [SM=g9434] , completamente inebetita (le foto lo dimostrano!!) [SM=g9380] [SM=g9380] [SM=g9380]



[SM=g9503] [SM=g9503] e incapace di dire qualcosa, tanto che lui, fissandomi pure negli occhi e sorridendomi (secondo me aveva capito che ero innamorata persa) ha rotto l’idillio chiedendo se anche io ero astronomo... ho risposto ridendo che mi occupo di tutt’altro e mia sorella è intervenuta dicendo che mentre lei si occupa del cielo, io, come geologa (mancata) mi occupavo della terra, suscitando una risata simpatica tra i presenti.



Non potevo crederci… se non fosse per quelle foto che testimoniano quell’incontro direi che ho sognato tutto…. E invece ciò che mi rimane, oltre le foto, è il suo sguardo penetrante e, oserei dire, malandrino [SM=g9434] e il suo sorriso bonario che non dimenticherò mai. Ora più che mai ti amo, Benedetto!! [SM=g9433] [SM=g9433] [SM=g9503] [SM=g9503]