Viaggio apostolico in Inghilterra ed Scozia

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: [1], 2, 3, 4, 5, 6
Paparatzifan
00Monday, January 4, 2010 11:53 PM
Paparatzifan
00Monday, January 4, 2010 11:53 PM
Dal blog di Lella...

INGHILTERRA: VISITA DEL PAPA, TABLET “INCONTRO CON LA REGINA A BALMORAL”

La visita in Inghilterra e Scozia, il calo delle vocazioni e l’aumento del secolarismo: sono questi alcuni dei temi che i vescovi di Inghilterra, Galles e Scozia discuteranno con Benedetto XVI nelle rispettive visite ad limina che avranno luogo a partire dal 25 gennaio per i presuli inglesi e gallesi e dalla fine di febbraio per gli scozzesi.
Visite che assumono particolare rilievo anche alla luce dell’annunciato viaggio, “in settembre”, del Papa in quei Paesi e sul quale il settimanale cattolico “The Tablet” ha fornito ulteriori anticipazioni.
Riportando parole del ministro scozzese Jim Murphy, cattolico, incaricato dal premier Gordon Brown di organizzare la visita di Benedetto XVI, il Tablet scrive che il Papa avrebbe “declinato l’offerta di una processione in carrozza aperta e di un banchetto a Buckingham Palace”, previsti nelle visite di Stato. Secondo il settimanale cattolico inglese, che cita sempre il ministro scozzese, Benedetto XVI dovrebbe alloggiare alla nunziatura apostolica di Wimbledon, nel sud ovest di Londra, piuttosto che a Buckingham palace e trascorrerà tre giorni in Inghilterra e uno in Scozia.
Circa il programma della visita il Tablet riferisce che le due conferenze episcopali hanno preparato un itinerario che viene esaminato in questi giorni dalla Santa Sede: “esso prevede messe pubbliche, eventi ecumenici ed altre funzioni, ma naturalmente spetta al Vaticano la decisione. Benedetto XVI incontrerà anche la regina, ma si pensa che l’incontro avverrà in Scozia, nella residenza di Balmoral, dove la sovrana sarà in vacanza durante i giorni della visita del Papa”. Per il settimanale cattolico scozzese Scottish Catholic Observer, “Edimburgo, Glasgow e St. Andrews sono alcune delle località suggerite per la visita in Scozia mentre per il premier scozzese Alex Salmond il Papa potrebbe parlare al parlamento scozzese”. Per il settimanale, a chiedere la presenza del Pontefice sarebbe anche l’università di St. Andrews che celebra il suo 500° anniversario. Si parla, infine anche di “una messa all’aperto a Hampden Park a Glasgow”.

© Copyright Sir


+PetaloNero+
00Tuesday, February 2, 2010 12:34 AM
Benedetto XVI conferma la sua visita in Gran Bretagna


CITTA' DEL VATICANO, lunedì, 1° febbraio 2010 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha confermato questo lunedì che si recherà in visita in Gran Bretagna, ricevendo in udienza i Vescovi della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, in occasione della loro visita “ad limina Apostolorum”.

Pur non rivelando le date del viaggio, che secondo quanto riferito tempo fa dal settimanale cattolico inglese “Tablet” dovrebbe avvenire dal 16 al 19 settembre prossimo, il Papa ha detto: “In occasione della mia prossima visita apostolica in Gran Bretagna, potrò io stesso essere testimone di quella fede e, come Successore di Pietro, potrò rafforzarla e confermarla”.

Si tratterà della prima visita di Benedetto XVI in Gran Bretagna dal viaggio di Giovanni Paolo II nel 1982.

“Durante i prossimi mesi di preparazione – ha aggiunto ancora il Pontefice –, preoccupatevi di incoraggiare i cattolici in Inghilterra e nel Galles nella loro devozione, assicurategli che il Papa li ricorda sempre nelle sue preghiere e li tiene nel suo cuore”.

Nel suo indirizzo di saluto all'inizio dell'udienza, mons. Vincent Nichols, Arcivescovo di Westminster e Presidente della Conferenza episcopale d'Inghilterra e Galles, ha affermato che “tutta la comunità cattolica attende con fervore questa visita molto desiderata e l'incoraggiamento che lei, Santità, darà non solo a noi, ma anche a tutti i nostri concittadini”.

“Confidiamo nel fatto – ha proseguito il presule – che la sua presenza e il suo insegnamento, con il suo appello coerente e ponderato a tutte le persone, verranno accolti con calore, come lei personalmente”.

L'Arcivescovo di Westminster ha quindi accennato alla prossima beatificazione del Cardinale John Henry Newman (1801–1890), dopo che nel 3 luglio 2009 Benedetto XVI ha approvato il decreto per il riconoscimento del miracolo attribuito all'intercessione di questo porporato convertitosi dall’anglicanesimo e che fondò il primo Oratorio di San Filippo Neri in Inghilterra.

“La beatificazione del venerabile John Henry Newman – ha detto il presule –, che ha parlato tanto eloquentemente alla nostra tradizione e alla nostra cultura inglesi, è, crediamo, il culmine pregustato con impazienza di questa sua progettata visita”.

Dal canto suo, Benedetto XVI durante l'udienza aveva richiamato la figura del Cardinale Newman, che ci ha lasciato un “esempio eccezionale di fedeltà alla verità rivelata, seguendo quella kindly light ovunque essa lo conducesse, anche a un considerevole costo personale”.

“Grandi scrittori e comunicatori della sua statura e della sua integrità sono necessari nella Chiesa oggi e spero che la devozione a lui ispirerà molti a seguirne le orme”, ha poi aggiunto il Papa.
+PetaloNero+
00Saturday, February 6, 2010 12:00 AM
Benedetto XVI conferma che visiterà la Scozia



CITTA' DEL VATICANO, venerdì, 5 febbraio 2010 (ZENIT.org).- Papa Benedetto XVI ha confermato questo venerdì che il suo prossimo viaggio in Gran Bretagna, previsto dopo l'estate, includerà anche la Scozia.

Lo ha annunciato ricevendo in udienza i Vescovi scozzesi in visita “ad limina apostolorum”, quattro giorni dopo averlo fatto con i loro omonimi inglesi e gallesi, lunedì scorso, quando ha approfittato anche per confermare il suo viaggio nel Regno Unito.

Neanche in quell'occasione il Papa ha rivelato date concrete, affermando che la visita avverrà alla fine dell'anno.

Come ai Vescovi di Inghilterra e Galles, il Papa ha chiesto ai presuli scozzesi di preparare questa visita apostolica, incoraggiando i fedeli “a pregare affinché essa sia un tempo di grazia per tutta la comunità cattolica”.

“Cogliete l'opportunità di rendere più profonda la loro fede e di riaccendere il loro impegno a rendere testimonianza al Vangelo. Come i monaci di Iona che diffondono il messaggio cristiano in lungo e in largo in Scozia, permettete loro di essere fari di fede e santità per il popolo scozzese oggi”, ha aggiunto.

Alla visita si è riferito nel suo saluto anche il Cardinale Keith O'Brien, presidente dei Vescovi scozzesi, che ha affermato che la visita avrà luogo “quest'autunno”.

Il porporato ha aggiunto che la notizia “riempie di gioia” e ha aggiunto che i cattolici scozzesi hanno “ricordi bellissimi della visita del Suo venerabile predecessore, Giovanni Paolo II nel 1982”.

“Siamo sicuri che il popolo scozzese offrirà a Sua Santità un’accoglienza calorosa. Speriamo che la Sua visita ci darà un nuovo incoraggiamento, un vigore rinnovato e una gioia particolare mentre continuiamo a servire Cristo nelle circostanze odierne”.
Paparatzifan
00Tuesday, February 23, 2010 8:07 AM
Dal blog di Lella...

Il Papa a Londra via radio
Ma si prepara la protesta


PRIMO PIANO
Di Andrea Bevilacqua

Benedetto XVI a settembre nel Regno Unito ospite della Bbc

La visita del Papa in Gran Bretagna prevista per il prossimo settembre divide il paese. Da una parte chi apprezza Benedetto XVI dall'altra chi ritiene che il suo arrivo sia da contrastare. Tra coloro che sono favorevoli all'arrivo del Papa c'è la Bbc.
Questa, infatti, è in trattative per la partecipazione del Papa alla trasmissione radiofonica Thought for the day. La notizia, riportata dalla stampa inglese, è stata confermata dal direttore dell'emittente radiofonica, Mark Damazer. Il quale ha detto che il direttore generale Mark Thompson, un cattolico praticante, trovandosi a Roma all'inizio di febbraio, ha avviato i primi contatti per un'ospitata del Papa in coincidenza con la sua visita a Londra. Ma, in realtà, molto sta facendo Francis Martin Xavier Campbell, giovane ambasciatore inglese presso la Santa Sede. È il primo diplomatico inglese cattolico presso il Vaticano in quasi 500 anni. Spigliato, ben introdotto oltre il Tevere, ama intrattenere rapporti diplomatici a 360 gradi, senza precludersi nulla insomma. Insomma, se a settembre il Papa parlerà alla Bbc sarà anche merito suo. Il programma propone ogni giorno una riflessione di 3 minuti, con commentatori di diverse fedi religiose che presentano pensieri e riflessioni. Tra gli ospiti fissi, il vescovo di Southwark e il rabbino Lionel Blue. Anche il primate anglicano Rowan Williams è intervenuto più di una volta, ma la presenza del Papa sarebbe una prima assoluta. La trasmissione va in onda ogni mattina alle 7.45, ma non in diretta: questo permetterebbe al Papa di registrare una riflessione prima del viaggio e in altro luogo, senza doversi recare negli studi radiofonici. Ma non tutti, oltre Manica, sono contenti dell'arrivo del Papa. Da giorni, infatti, c'è chi protesta.
Tutto è nato lo scorso 4 febbraio quando Benedetto XVI lanciò un attacco senza precedenti contro le politiche di uguaglianza del governo di Gordon Brown, sostenendo che queste costituiscono una minaccia per la libertà religiosa.
Il Papa spiegò che la legislazione introdotta dai laburisti con l'Equality Bill, atta a mettere fine alle discriminazioni, di fatto «viola la legge naturale», impedendo ai credenti di rimanere fedeli al loro credo. E affermò che, invece di rendere la società più equa, le nuove regole limitano la libera espressione religiosa. Le osservazioni di Benedetto hanno provocato critiche da parte della National Secular Society, che ha già annunciato che anche durante la visita del Pontefice saranno organizzate proteste in diverse città. Terry Sanderson, presidente della Società, ha espresso perplessità sul fatto che il Papa, proprio alla vigilia della sua prima visita storica nel paese, stia indicando, come tema cardine, un attacco all'uguaglianza dei diritti per promuovere invece la discriminazione.

© Copyright Italia Oggi, 23 febbraio 2010


+PetaloNero+
00Tuesday, March 16, 2010 3:34 PM
Il Papa nel Regno Unito dal 16 al 19 settembre su invito della Regina. Vescovi e governo di Londra: occasione storica per la società britannica


Benedetto XVI visiterà il Regno Unito dal 16 al 19 settembre prossimo. E’ quanto annunciato dalla Regina Elisabetta II attraverso un comunicato di Buckingam Palace. Sul viaggio apostolico, il primo di un Papa in terra britannica con lo status di “visita di Stato”, si è tenuta a Londra una conferenza stampa congiunta del governo e delle Conferenze episcopali di Scozia, Inghilterra e Galles. Il servizio di Alessandro Gisotti:

“Un’opportunità senza precedenti per rafforzare i legami tra il Regno Unito e la Santa Sede sulle iniziative globali” e per valorizzare “l’importante ruolo della fede nel creare forti comunità”. E’ quanto sottolineato nella conferenza stampa di annuncio e presentazione del viaggio di Benedetto XVI nel Regno Unito. Il Papa sarà ricevuto dalla Regina Elisabetta il 16 settembre nel Palazzo di Holyroodhouse ad Edimburgo, in Scozia. Il Pontefice, che è stato invitato a visitare la Gran Bretagna dalla Regina, terrà un discorso a Westminster rivolto alla società civile britannica. A Coventry celebrerà una solenne Messa in cui verrà beatificato il grande teologo John Henry Newman. Altri momenti forti della visita, è stato sottolineato nella conferenza, saranno una Messa a Glasgow, una veglia di preghiera a Londra, un incontro dedicato alla cultura e la visita all’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana a Lambeth. Il Papa pregherà inoltre con i leader delle altre confessioni cristiane nell’Abbazia di Westminster.


Il presidente della conferenza episcopale d’Inghilterra e Galles e arcivescovo di Westminister, Vincent Nichols, si è detto fiducioso che la visita del Papa “incoraggerà ognuno ad aspirare ad una visione della vita” caratterizzata “dalla fiducia reciproca, dalla compassione e dalla verità”. Quindi, in un messaggio video, presente sul sito web ufficiale della visita (www.thepapalvisit-org.uk), ha sottolineato che per la prima volta un Pontefice viene invitato a visitare il Regno Unito dalla Regina:


R. – This is a deeply significant moment…
“Questo – ha affermato mons. Nichols - è un momento profondamente significativo per l’intero Paese e naturalmente per la comunità cattolica”. Spero, ha aggiunto, “che mostrerà la comunità cattolica” come realmente capace di contribuire al benessere di questa nazione. “I cattolici - ha detto ancora il presule – possono appoggiare questa missione del Papa, ovviamente essendo presenti e volendo essere con lui, volendo salutarlo e pregare con lui, ma anche mostrando, nel modo in cui facciamo ogni cosa, la gioia che viene dalla nostra fede”.


E di “visita storica” in “un momento importante”, ha parlato anche il segretario di Stato della Scozia, Jim Murphy, ministro incaricato dal governo per la preparazione del viaggio. Ha così messo l’accento sull’influenza che il Papa e la Santa Sede “hanno in aree come lo sviluppo internazionale” e “la relazione tra le religioni”. Dal canto suo, il cardinale Keith O’ Brien, arcivescovo di St. Andrews ed Edimburgo, presidente della Conferenza episcopale scozzese, si è detto sicuro che il Papa sarà ricevuto in modo caloroso non solo dai cattolici ma da tutti i cittadini, anche di altre fedi. Ha così ricordato l’insegnamento di Benedetto XVI sulle radici cristiane dell’Europa. “Il mio auspicio – ha affermato il porporato – è che tutti noi possiamo aprire i nostri cuori alle sue parole”. Uno dei temi della visita, è stato rimarcato nella conferenza stampa, saranno le relazioni tra le Chiese cristiane come anche tra le altre religioni. Giovanni Paolo II aveva visitato la Gran Bretagna nel 1982. Non si trattava però di una visita di Stato. Nello stesso anno, furono allacciate relazioni diplomatiche piene tra Santa Sede e Regno Unito.
+PetaloNero+
00Wednesday, March 17, 2010 12:02 AM
La visita del Papa nel Regno Unito, "opportunità senza precedenti"
Dichiarazione del Governo britannico e della Conferenza Episcopale



ROMA, martedì, 16 marzo 2010 (ZENIT.org).- La visita di Papa Benedetto XVI nel Regno Unito, programmata dal 16 al 19 settembre prossimi, è un'"opportunità senza precedenti" per rafforzare i legami tra Regno Unito e Santa Sede e il ruolo della fede nel creare forti comunità.

Lo riferisce un comunicato stampa che ricorda come il Governo britannico e i Vescovi cattolici di Scozia, Inghilterra e Galles lo abbiano dichiarato in una conferenza stampa congiunta esprimendo la propria soddisfazione per il viaggio.

Quella di settembre sarà la prima visita papale in assoluto nel Regno Unito, visto che quella di Papa Giovanni Paolo II del 1982 è stata una visita pastorale.

Benedetto XVI verrà ricevuto al Palazzo di Holyroodhouse dalla Regina Elisabetta II e pronuncerà "un importante discorso" a rappresentanti della società civile britannica presso il Palazzo di Westminster.

Visiterà anche le West Midlands per beatificare il Cardinale John Henry Newman, teologo ed educatore del XIX secolo, durante una Messa pubblica a Coventry.

Altri eventi fondamentali della visita includeranno una Messa pubblica a Glasgow, una veglia di preghiera a Londra e un evento incentrato sull'istruzione.

Visita storica

Quella di Benedetto XVI sarà "una visita storica in un momento importante", ha dichiarato l'onorevole Jim Murphy, Ministro per la Scozia e incaricato del Governo britannico per la preparazione del viaggio.

"Il Papa riceverà un cordiale benvenuto dai cattolici e dalla gente di tutte le fedi", ha aggiunto.

"Oltre ad essere la leadership spirituale di più di un miliardo di cattolici nel mondo, compresi sei milioni nel Regno Unito, il Papa e la Santa Sede hanno una grande influenza sulla politica globale in aree come sviluppo internazionale, sostenibilità e le relazioni tra le religioni", ha riconosciuto il politico.

In questo contesto, ha osservato, la visita del Papa "rappresenta una opportunità senza precedenti per rafforzare i legami tra Regno Unito e Santa Sede su azioni a livello locale e globale per affrontare la povertà ed i cambiamenti climatici, così come l'importante ruolo della fede nel creare comunità forti e coese".

L'entusiasmo dei cattolici

Il Cardinale Keith O'Brien, Arcivescovo di Edimburgo e S. Andrews e Presidente della Conferenza dei Vescovi di Scozia, ha confessato di essere "entusiasta che il Papa abbia accettato il cortese invito del Governo britannico" a visitare il Regno Unito.

"Sono certo che riceverà una sentita accoglienza sia dai cattolici che dai membri delle altre fedi e dagli uomini di buona volontà", ha sottolineato. Nel corso della visita particolare attenzione verrà dedicata alle relazioni tra le Chiese cristiane. Il Papa farà infatti visita all'Arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams, al Palazzo di Lambeth e pregherà con gli altri leader della Chiesa presso l'Abbazia di Westminster.

Il Cardinale O'Brien ha quindi ricordato che "una caratteristica distintiva dell'insegnamento di Papa Benedetto è stata di ricordare all'Europa le proprie radici cristiane e cultura e di essere la nostra guida sui grandi temi morali dei giorni nostri", e ha auspicato che "tutti noi apriremo i nostri cuori alle sue parole".

Dal canto suo monsignor Vincent Nichols, Arcivescovo di Westminster e Presidente della Conferenza dei Vescovi Cattolici di Inghilterra e Galles, ha ringraziato la Regina e il Governo britannico per l'"invito storico" rivolto al Papa e si è detto certo che "la presenza ed il messaggio di Papa Benedetto incoraggeranno tutti ad ambire di nuovo ad una visione della vita nella nostra società contrassegnata da reciproca fiducia, pietà e verità".

"La grande tradizione cristiana di fede e vita, che ha così formato la nostra cultura, ha molto di più da offrire - ha segnalato -. Questo gentile e profondo insegnante della sua fede incoraggerà e rafforzerà tutti coloro che riceveranno le sue parole".

Interessi comuni

La Santa Sede si interessa a molte delle aree prioritarie anche per la politica estera del Regno Unito.

Oltre a sostenere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite per aiutare i Paesi in via di sviluppo, la Città del Vaticano è il primo Stato del mondo ad essere diventato "carbon neutral".

Nel 2006, Benedetto XVI ha poi acquistato la prima obbligazione della International Finance Facility for Immunisation, l'iniziativa del Regno Unito per raccogliere oltre 1 miliardo di dollari per immunizzare in 70 dei Paesi più poveri del mondo contro malattie come febbre gialla, poliomielite, morbillo e tetano (www.iff-immunisation.org).

Il Papa ha inoltre sostenuto le azioni del Governo britannico per incoraggiare la riforma delle istituzioni finanziarie internazionali e la costituzione di un trattato sul commercio delle armi. Il Governo del Regno Unito sostiene e incoraggia da parte sua la posizione della Chiesa Cattolica sui cambiamenti climatici.

Per ulteriori informazioni sulla visita del Papa nel Regno Unito: www.thepapalvisit.org.uk.


+PetaloNero+
00Friday, March 26, 2010 4:08 PM
Il Papa nel Regno Unito dal 16 al 19 settembre su invito della Regina. Vescovi e governo di Londra: occasione storica per la società britannica


Benedetto XVI visiterà il Regno Unito dal 16 al 19 settembre prossimo. E’ quanto annunciato dalla Regina Elisabetta II attraverso un comunicato di Buckingam Palace. Sul viaggio apostolico, il primo di un Papa in terra britannica con lo status di “visita di Stato”, si è tenuta a Londra una conferenza stampa congiunta del governo e delle Conferenze episcopali di Scozia, Inghilterra e Galles. Il servizio di Alessandro Gisotti:

“Un’opportunità senza precedenti per rafforzare i legami tra il Regno Unito e la Santa Sede sulle iniziative globali” e per valorizzare “l’importante ruolo della fede nel creare forti comunità”. E’ quanto sottolineato nella conferenza stampa di annuncio e presentazione del viaggio di Benedetto XVI nel Regno Unito. Il Papa sarà ricevuto dalla Regina Elisabetta il 16 settembre nel Palazzo di Holyroodhouse ad Edimburgo, in Scozia. Il Pontefice, che è stato invitato a visitare la Gran Bretagna dalla Regina, terrà un discorso a Westminster rivolto alla società civile britannica. A Coventry celebrerà una solenne Messa in cui verrà beatificato il grande teologo John Henry Newman. Altri momenti forti della visita, è stato sottolineato nella conferenza, saranno una Messa a Glasgow, una veglia di preghiera a Londra, un incontro dedicato alla cultura e la visita all’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana a Lambeth. Il Papa pregherà inoltre con i leader delle altre confessioni cristiane nell’Abbazia di Westminster.


Il presidente della conferenza episcopale d’Inghilterra e Galles e arcivescovo di Westminister, Vincent Nichols, si è detto fiducioso che la visita del Papa “incoraggerà ognuno ad aspirare ad una visione della vita” caratterizzata “dalla fiducia reciproca, dalla compassione e dalla verità”. Quindi, in un messaggio video, presente sul sito web ufficiale della visita (www.thepapalvisit-org.uk), ha sottolineato che per la prima volta un Pontefice viene invitato a visitare il Regno Unito dalla Regina:


R. – This is a deeply significant moment…
“Questo – ha affermato mons. Nichols - è un momento profondamente significativo per l’intero Paese e naturalmente per la comunità cattolica”. Spero, ha aggiunto, “che mostrerà la comunità cattolica” come realmente capace di contribuire al benessere di questa nazione. “I cattolici - ha detto ancora il presule – possono appoggiare questa missione del Papa, ovviamente essendo presenti e volendo essere con lui, volendo salutarlo e pregare con lui, ma anche mostrando, nel modo in cui facciamo ogni cosa, la gioia che viene dalla nostra fede”.


E di “visita storica” in “un momento importante”, ha parlato anche il segretario di Stato della Scozia, Jim Murphy, ministro incaricato dal governo per la preparazione del viaggio. Ha così messo l’accento sull’influenza che il Papa e la Santa Sede “hanno in aree come lo sviluppo internazionale” e “la relazione tra le religioni”. Dal canto suo, il cardinale Keith O’ Brien, arcivescovo di St. Andrews ed Edimburgo, presidente della Conferenza episcopale scozzese, si è detto sicuro che il Papa sarà ricevuto in modo caloroso non solo dai cattolici ma da tutti i cittadini, anche di altre fedi. Ha così ricordato l’insegnamento di Benedetto XVI sulle radici cristiane dell’Europa. “Il mio auspicio – ha affermato il porporato – è che tutti noi possiamo aprire i nostri cuori alle sue parole”. Uno dei temi della visita, è stato rimarcato nella conferenza stampa, saranno le relazioni tra le Chiese cristiane come anche tra le altre religioni. Giovanni Paolo II aveva visitato la Gran Bretagna nel 1982. Non si trattava però di una visita di Stato. Nello stesso anno, furono allacciate relazioni diplomatiche piene tra Santa Sede e Regno Unito.

+PetaloNero+
00Friday, May 7, 2010 12:13 AM
"Il cuore parla al cuore", motto della vista del Papa in Gran Bretagna


LONDRA, giovedì, 6 maggio 2010 (ZENIT.org).- Il motto cardinalizio del porporato John Henry Newman - Cor ad cor loquitur, ovvero Il cuore parla al cuore - è stato scelto come motto della visita di Benedetto XVI in Gran Bretagna.

"Il cuore parla al cuore è una scelta appropriata per questa visita papale, visto che l'ultimo giorno del suo viaggio apostolico il Santo Padre beatificherà il Cardinale Newman, il teologo vittoriano più amato", indica un comunicato pubblicato sulla web dedicata a questa visita storica, che si svolgerà dal 16 al 19 settembre prossimi.

Le parole che il Cardinale Newman scelse per il suo stemma quando divenne porporato nel 1879 sono di San Francesco di Sales, Vescovo francese al quale era molto devoto.

Questa definizione, trasformata ora nel motto della visita papale, dice molto sulla concezione dell'essere umano che aveva il Cardinale, convinto che la vera comunicazione tra le persone andava al di là dell'intelligenza, si raggiungeva dal proprio cuore a quello degli altri.

In un sermone anglicano, scrisse: "L'eloquenza e l'ingegno, l'astuzia e la destrezza difendono bene una causa e la diffondono rapidamente, ma muore con loro. Non ha radici nel cuore degli uomini e non vive oltre una generazione".

La verità, invece, parla dal centro della persona, dal suo cuore, sosteneva Newman, che avrebbe scritto: "Attraverso un cuore sveglio tra i morti e mediante affetti forgiati in cielo, possiamo (...) davvero testimoniare che Cristo vive".

Per l'ecclesiastico, Cristo parla dal cuore. "Quando la Chiesa parla, Tu passi a parlare", pregava.

Per preparare la visita del Papa nel Regno Unito, la Conferenza Episcopale di Inghilterra e Galles ha chiesto ai cattolici di coinvolgersi attivamente, con preghiere e contributi economici.

Il 23 maggio, festa di Pentecoste, in tutte le parrocchie di Scozia, Inghilterra e Galles si eleveranno preghiere e si svolgerà una colletta speciale per il viaggio apostolico.

Nelle Messe verranno distribuiti cartoncini con una preghiera per la visita del Papa, ha reso noto un comunicato della Conferenza Episcopale pubblicato questo mercoledì.

Il denaro che verrà raccolto nella colletta speciale di quel giorno aiuterà a pagare i costi della visita a carico della Chiesa, attualmente stimati intorno agli 8.200.000 euro, dei quali sono già stati ottenuti più di 3,5 milioni.

Le spese collegate agli aspetti statali della visita verranno pagate dal Governo; quelle a carico della Chiesa consistono principalmente nei costi di organizzazione dei tre maggiori incontri pubblici pastorali: in Scozia, a Londra e nelle West Midlands.

"Esorto tutta la comunità cattolica a pregare per questa visita e a sostenere la colletta nel modo più generoso possibile", ha indicato il presidente della Conferenza dei Vescovi di Inghilterra e Galles, l'Arcivescovo Vincent Nichols.

"La visita del Santo Padre è un'opportunità meravigliosa affinché la dolce luce della fede sia contemplata di nuovo da tutti - ha aggiunto -. Egli confermerà la forte fede della nostra comunità".

Monsignor Nichols ha rivelato di pregare perché "la visita serva per accendere una nuova vitalità spirituale, una messa in discussione del cuore di tanti nella nostra società che possono non avere alcuna affiliazione religiosa ma stanno in qualche modo cercando un significato più profondo e un obiettivo per la propria vita".

Benedetto XVI giungerà il 16 settembre in Scozia, a Edimburgo, dove sarà ricevuto dalla regina Elisabetta II - che ha invitato ufficialmente il Papa a visitare la Gran Bretagna - e dal marito, il duca di Edimburgo, nel Palazzo di Holyroodhouse.

Durante questo viaggio di quattro giorni, il Papa visiterà anche Glasgow, Londra e Coventry. Nel Palazzo di Westminster rivolgerà un discorso ai rappresentanti della società civile.

Nella sua visita alle West Midlands beatificherà il Cardinale Newman il 19 settembre durante una Messa pubblica all'aeroporto di Coventry, nell'Arcidiocesi di Birmingham, alla quale sono attesi 250.000 pellegrini.

Durante il viaggio, il Papa presiederà anche una Messa pubblica a Glasgow, una veglia di preghiera a Londra e un evento "concentrato sull'educazione".

Uno dei temi principali della visita sarà rappresentato dal rapporto tra le Chiese cristiane e dalle relazioni tra le maggiori confessioni.

In questo senso, Benedetto XVI farà visita all'Arcivescovo di Canterbury, nel Palazzo di Lambeth, e pregherà con "altri responsabili" della Chiesa nell'abbazia di Westminster.

La visita di Giovanni Paolo II nel 1982 segnò il ristabilimento di piene relazioni diplomatiche tra il Regno Unito e la Santa Sede, ma non fu una visita papale ufficiale.

Quella di settembre, invece, sarà una visita papale con la condizione di visita di Stato.


+PetaloNero+
00Wednesday, May 19, 2010 4:03 PM
Conclusa la stesura del Messale della visita del Papa in Gran Bretagna


Procedono a ritmo serrato i preparativi della visita di Benedetto XVI in Gran Bretagna, il prossimo settembre. In questi giorni è stata conclusa la stesura del Messale della visita papale che il Comitato organizzativo vuole mettere a disposizione di tutti coloro che vorranno seguire questo storico evento, direttamente o attraverso i media. “Vogliamo fare della presenza del Papa nel Regno Unito un evento accessibile al maggior numero possibile di persone”, spiega il coordinatore del viaggio, mons. Andrew Summersgill. “Stiamo quindi trattando con tre case editrici cattoliche” per la stampa del Messale. L’obiettivo è di riunire tutti attorno al Papa nei giorni in cui sarà qui”. La data della pubblicazione del Messale non è stata ancora fissata, ma l’idea è di distribuirlo nelle parrocchie del Regno Unito almeno due settimane prima dell’arrivo del Papa, ha precisato il presule. Intanto, si stanno studiando le modalità per vedere la visita del Pontefice in streaming su internet sulla pagina web dedicata a questa visita storica (www.thepapalvisit.org.uk/ ). Benedetto XVI sarà nel Regno Unito dal 16 al 19 settembre. Il motto scelto per il viaggio è “Il cuore parla al cuore” da un pensiero del cardinale John Henry Newman, che il Papa beatificherà nell’ultimo giorno della sua visita. (L.Z.)
+PetaloNero+
00Monday, May 24, 2010 4:41 PM
Messaggio del primate d'Inghilterra e Galles per la prossima visita del Papa in Gran Bretagna


Il primate cattolico di Inghilterra e Galles, mons. Vincent Nichols, ha indirizzato ai fedeli un messaggio in vista della prossima visita di Benedetto XVI, prevista dal 16 al 19 settembre prossimi in Gran Bretagna. Secondo mons. Nichols - riferisce il settimanale cattolico “The Universe” - i britannici potrebbero essere convinti che “il Papa verrà a trovare la comunità cattolica, ma il suo compito principale non è esattamente questo. Verrà per offrire alla nostra società - sottolinea il presule - una testimonianza del Vangelo come messaggio di speranza e di amore, come base ferma e affidabile per la vita moderna”. Il primate cattolico parla di un evento storico, non solo perché sarà la prima "visita di Stato" di un Papa in Inghilterra ma anche a motivo della beatificazione del cardinale John Henry Newman, che verrà celebrata il 19 settembre. Sarà la prima beatificazione ad avere luogo nel Regno Unito. Newman è stato un teologo, filosofo e cardinale, tra i più grandi prosatori inglesi ed il più autorevole apologista della fede che la Gran Bretagna abbia prodotto, apprezzato anche dai non cattolici. Per mons. Nichols la visita è anche un modo per ricordare ai cittadini britannici che sono “esseri spirituali, molto più della somma totale dei nostri risultati materiali, portati all’amore e alla bellezza e capaci di amare Dio”. In un momento di austerità economica come quello attuale – ricorda ancora il primate - “la qualità dei rapporti tra tutte le persone diventa molto importante per il nostro benessere comune”. Il presidente dei vescovi inglesi e gallesi non ha dubbi: “il compito dei cattolici britannici è di sostenere il Pontefice”, di essergli vicino, di dare credibilità visibile al messaggio che offre a tutti con la testimonianza delle azioni e della vita. (M.A.)


Paparatzifan
00Friday, May 28, 2010 8:37 PM
Dal blog di Lella...

Non solo per i cattolici

Il Papa in Inghilterra: il punto sulla preparazione

Un momento storico, da preparare nei minimi dettagli, e non solo dal punto di vista spirituale. L'attesa per la visita di Benedetto XVI in Inghilterra a settembre sta crescendo come testimoniano il primate cattolico mons. Vincent Nichols, l'addetto stampa dei vescovi inglesi Alexander des Forges ed il capo della polizia Meredydd Hughes, che nei giorni scorsi hanno fatto il punto sulla visita.

Messaggio di speranza. Il Papa viene non solo a trovare i cattolici ma a dare una testimonianza del messaggio cristiano. Lo scrive il primate cattolico di Inghilterra e Galles, mons. Vincent Nichols in un messaggio indirizzato ai cattolici britannici, pubblicato dal settimanale cattolico "The Universe", riguardante la visita (16-19 settembre). Il 23 maggio ai cattolici di tutta la Gran Bretagna è stato chiesto di contribuire per coprire i costi della visita del Papa: obiettivo 1 milione di sterline. Per mons. Nichols i cattolici britannici potrebbero essere convinti che "il Papa verrà a trovare la comunità cattolica, ma il suo compito principale non è esattamente questo. Verrà per offrire alla nostra società una testimonianza del Vangelo come messaggio di speranza e di amore, come base ferma e affidabile per la vita moderna". Si tratta di una visita "storica", importantissima per il futuro dei cattolici in Gran Bretagna. "Storica" perché, scrive il presule, si tratta della "prima visita di Stato di un Papa, della prima beatificazione ad avere luogo in questo Paese, il card. Newman è il primo confessore della fede ad essere beatificato in oltre 600 anni. Benedetto XVI arriva con il compito delicato di presentare alla nostra società, nella sua maniera ragionata ed elegante, l'importanza cruciale per il nostro mondo della fede in Dio e dell'arricchimento che essa porta con sé". Un obbiettivo difficile "se si considerano le tensioni sociali e le voci stizzite alle quali siamo abituati oggi". Per Nichols la visita è anche un modo per ricordare ai cittadini britannici che sono "esseri spirituali, molto più della somma totale dei nostri risultati materiali, portati all'amore e alla bellezza e capaci di amare Dio". In un momento di austerità economica come quello attuale "la qualità dei rapporti tra tutte le persone diventa molto importante per il nostro benessere comune". Il presidente dei vescovi inglesi non ha dubbi: "il compito dei cattolici britannici è sostenere il Pontefice, essergli vicino, dare credibilità al messaggio che offre a tutti con la testimonianza di vita".

Una visita anche virtuale. Saranno solo 400 mila i cattolici in grado di partecipare fisicamente ai momenti più importanti del viaggio papale, per questo spiega Alexander des Forges, responsabile delle relazioni con i media britannici e esteri, per la visita "parrocchie, associazioni e scuole potrebbero organizzarsi per garantire un accesso tecnologico e permettere così a tutti i loro fedeli di seguire ogni fase della visita almeno in modo virtuale". Una convinzione rafforzatasi dopo la partecipazione di Des Forges alla visita del Papa in Portogallo "per capire come gestire quella del Regno Unito. A Londra - dice - molti immigrati cattolici di Paesi come l'Italia, la Polonia, il Brasile e le Filippine saluteranno il Papa mentre passa in auto. La maggior parte dei 6 milioni di cattolici britannici e chiunque altro lo desideri, potrà seguire e partecipare agli eventi papali nelle scuole, nei conventi e in altre luoghi ecumenici grazie a un collegamento televisivo garantito dal "Catholic Media Centre", l'Ufficio stampa della Chiesa cattolica e che sarà attivo dal momento dell'arrivo del Papa fino a quello della sua partenza. Secondo Des Forges la "visita virtuale" può essere organizzata a corsi contenuti come verrà presto spiegato agli addetti stampa delle varie diocesi e ai parroci grazie anche ai tanti volontari che lavorano nei media britannici e nelle relazioni pubbliche che si sono offerti per rendere questa visita fruibile ai più.

La sicurezza. Di ritorno dal Portogallo, dove ha preso visione delle misure di sicurezza della polizia locale in vista di settembre, Meredydd Hughes, capo della polizia del South Yorkshire che coordina la sicurezza per la visita del Papa ha spiegato al settimanale cattolico "The Tablet" che "a Benedetto XVI verrà evitato il contatto con le folle perché si prevedono proteste di vari gruppi per temi come contraccezione, aborto, omosessualità e pedofilia". Le misure di sicurezza in Gran Bretagna saranno più severe di quelle in Portogallo perché "il Regno Unito è più a rischio ad attacchi terroristici", ha detto Hughes. Per questo motivo Benedetto XVI farà grande uso della 'Papamobile'. "Il pubblico potrà avvicinarsi il necessario per vederlo ma restando a distanza di sicurezza". Chi vorrà protestare potrà far sentire la propria voce senza disturbare messe e veglie. Intanto i movimenti cattolici intensificano la preparazione. La charity "Aid to the church in need" (Aiuto alla chiesa che soffre) ha lanciato un appello perché si celebrino messe per la visita del Papa.

© Copyright Sir Europa


Paparatzifan
00Wednesday, June 16, 2010 11:12 AM
Dal blog di Lella...

INGHILTERRA: UN OPUSCOLO PER PREPARARE LA VISITA DI BENEDETTO XVI

“Preparare la prossima visita di Benedetto XVI (16-19 settembre) e far comprendere al meglio il ruolo della fede e della Chiesa nella vita quotidiana”. Sono questi gli obiettivi di “Heart speaks unto heart – La visita di Benedetto XVI nel Regno Unito”, l’opuscolo presentato oggi a Londra dall’arcivescovo Vincent Nichols, presidente della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, e che sarà distribuito in tutte le parrocchie di Inghilterra, Galles e Scozia il prossimo fine settimana. Per mons. Nichols “in questo campo c’è un vuoto di conoscenze da parte dell’opinione pubblica che il testo cerca di colmare rispondendo a domande del tipo ‘perché il Papa incontrerà la Regina?’, ‘cosa ha da dirci il Papa della nostra società?’, ‘qual è il contributo della Santa Sede al mondo e alla società britannica?’, ‘cosa ha da dire sulla protezione dei minori?’. Risposte che saranno utili a coloro che vogliono capire un po’ di più di queste giornate storiche”. “Si tratta della prima volta che un papa visita il Regno Unito su invito della Regina – si legge nell’introduzione – e per questo è l’equivalente di una visita di Stato”.
Rispetto al viaggio di Giovanni Paolo II del 1982, questo di Benedetto XVI sarà diverso: “il Pontefice prenderà, infatti, parte ad incontri ecumenici ed interreligiosi e presiederà la beatificazione del card. John Henry Newman. Ma come ospite di Sua Maestà verrà, innanzitutto ad incontrare tutta la popolazione del Regno Unito. Tra Santa Sede e Regno Unito – prosegue il testo - ci sono state relazioni diplomatiche, in una varietà di forme, sin dal 1479 ma il riconoscimento formale risale al tempo della Prima guerra mondiale. Molte volte il Governo britannico e la Santa Sede hanno condiviso interessi comuni. Oggi insieme lottano contro la povertà, per la difesa dell’ambiente, per promuovere lo sviluppo economico, inclusa anche l’eliminazione del debito dei Paesi poveri”. “La fede cristiana – continua l’introduzione - ha permeato la nostra società e cultura di questi ultimi 2000 anni. Non è possibile, quindi, capire chi siamo, da dove veniamo senza una conoscenza della nostra fede storica. La nostra fede vive in un grandissimo numero di fedeli che in essa trovano il significato ultimo della loro vita e delle loro azioni. La tradizione giudaico-cristiana continua ad essere una fonte di valori di cui oggi noi abbiamo un chiaro bisogno. Questa tradizione ha molto da offrire al bene comune”.

© Copyright Sir


Paparatzifan
00Thursday, July 1, 2010 12:59 PM
Dal blog di Lella...

PAPA: AI GIOVANI INGLESI, ATTESA VISITA SIA TEMPO DI PREGHIERA

Salvatore Izzo

(AGI) - CdV, 30 giu.

"Restare attaccati al Signore, a discernere la sua volonta' nel cammino della vita, a riporre la fiducia nel potere dello Spirito Santo che dona il coraggio di dire 'si'' alla chiamata di Dio". Lo chiede Benedetto XVI ai giovani partecipanti al prossimo week end vocazionale "Invocation 2010" a Birmingham, promosso dalla Conferenza Episcopale di Inghilterra e Galles.
Nel messaggio inviato a mons. Vincent Gerard Nichols, arcivescovo di Westminster e primate cattolico, il Pontefice ricorda che sara' in Gran Bretagna tra due mesi: "un tempo di preparazione nel quale questo Paese occupa un posto speciale nei pensieri e nelle preghiere del Papa". Intanto mons. Andrew Summersgill, coordinatore della visita ha spiegato al Servizio Informazione Religiosa i motivi che hanno spinto a cambiare il luogo della beatificazione del card. John Henry Newman dall'aeroporto di Coventry a Cofton park: "Cofton - ha detto mons. Summersgill - e' stato scelto perche' adiacente a Rednal, la casa dove il card. Newman passava il suo tempo lavorando e studiando. Un luogo, quindi, a lui familiare ed e' il sito dove e' stato sepolto".

© Copyright (AGI)


+PetaloNero+
00Monday, July 5, 2010 3:11 PM
DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE

Accogliendo gli inviti del Governo di Sua Maestà Elisabetta II Regina del Regno Unito e delle Conferenze Episcopali cattoliche di Inghilterra-Galles e della Scozia, Sua Santità Benedetto XVI compirà un Viaggio Apostolico nel Regno Unito dal 16 al 19 settembre 2010.

Nel corso del viaggio il Santo Padre farà visita a Sua Maestà la Regina nel Palazzo Reale di Holyroodhouse a Edinburgh, presiederà la Celebrazione Eucaristica nel Bellahouston Park di Glasgow, incontrerà i rappresentanti del mondo politico, culturale e imprenditoriale nella Westminster Hall, parteciperà ad una Celebrazione Ecumenica nella Westminster Abbey, presiederà la Celebrazione Eucaristica nella Westminster Cathedral e la Veglia di Preghiera nel Hyde Park a Londra. Infine, presiederà la Celebrazione per il rito di beatificazione del Venerabile Cardinale John Henry Newman nel Cofton Park di Birmingham.
+PetaloNero+
00Tuesday, July 6, 2010 12:27 AM
Il Vaticano conferma la visita del Papa nel Regno Unito
Dal 16 al 19 settembre



CITTA' DEL VATICANO, lunedì, 5 luglio 2010 (ZENIT.org).- La Santa Sede ha confermato ufficialmente questo lunedì la visita di Benedetto XVI dal 16 al 19 settembre nel Regno Unito, “accogliendo gli inviti del Governo di Sua Maestà Elisabetta II Regina del Regno Unito e delle Conferenze Episcopali cattoliche di Inghilterra-Galles e della Scozia”.

Nel corso del viaggio, il primo di questo Papa nel Regno Unito, “il Santo Padre farà visita a Sua Maestà la Regina nel Palazzo Reale di Holyroodhouse a Edinburgh”, in Scozia, ha reso noto in un comunicato padre Federico Lombardi S.I., direttore della Sala Stampa della Santa Sede.

Il portavoce vaticano ha anche confermato che il Vescovo di Roma “presiederà la Celebrazione Eucaristica nel Bellahouston Park di Glasgow”.

A Londra, il Pontefice “incontrerà i rappresentanti del mondo politico, culturale e imprenditoriale nella Westminster Hall”.

Nel Paese che ha dato origine alla Chiesa anglicana, inoltre, il Papa “parteciperà ad una Celebrazione Ecumenica nella Westminster Abbey”.

Anche se il Vaticano non è entrato nei dettagli, gli organizzatori della visita nel Regno Unito hanno annunciato un incontro del Papa con l'Arcivescovo di Canterbury, il dottor Rowan Williams, al Palazzo di Lambeth alla presenza dei Vescovi diocesani anglicani e dei Vescovi diocesani cattolici di Inghilterra e Galles.

Allo stesso modo, “presiederà la Celebrazione Eucaristica nella Westminster Cathedral e la Veglia di Preghiera nel Hyde Park”.

Nel suo ultimo giorno nel Regno Unito, il Papa “presiederà la Celebrazione per il rito di beatificazione del Venerabile Cardinale John Henry Newman nel Cofton Park di Birmingham”, spiega padre Lombardi.

Il venerabile Newman (1801-1890), poeta e pastore anglicano, è stato accolto nella Chiesa cattolica nel 1845, venendo creato Cardinale da Leone XIII.

La visita del Papa era già stata annunciata da Buckingham Palace il 16 marzo. L'annuncio di questo lunedì fa parte della prassi ordinaria con cui la Santa Sede annuncia ufficialmente i viaggi papali.

Sarà la seconda visita di un Pontefice nel Regno Unito dai tempi di Enrico VIII (1491-1547), il re inglese che provocò uno scisma con Roma creando la Chiesa anglicana. La prima visita è stata quella di Giovanni Paolo II nel 1982, che ha avuto un impatto considerevole sulla popolazione.

Il Regno Unito ha 4,2 milioni di cattolici su una popolazione di 61 milioni di abitanti.

Per ulteriori informazioni, thepapalvisit.org.uk.
Paparatzifan
00Thursday, July 15, 2010 10:42 AM
Dal blog di Lella...

PAPA IN GB: "THE PRIESTS" ANIMERANNO LA VEGLIA A HYDE PARK

Salvatore Izzo

(AGI) - CdV, 14 lug.

Il complesso "The priests" composto da tre sacerdoti irlandesi che grazie alle loro qualita' canore e alla casa di produzione Sony hanno scalato le hit parade di tutto il mondo, partecipera' alla veglia di preghiera che il Papa presiedera' il prossimo 18 settembre all'Hyde Park e che, per il settimanale cattolico "Tablet", rappresenta forse l'appuntamento piu' importante della visita del Pontefice in Inghilterra e Scozia a settembre, dopo la beatificazione del card. Newman. Ad Hyde Park sono attesi 80 mila pellegrini che potranno accedere quattro ore prima del Papa il quale rimarra' alla veglia per un'ora e mezza, fino a poco prima delle 20.
Dopo un concerto di "The preists" vi sara', informa il Servizio Informazione Religiosa, una processione di 3000 persone che rappresenteranno le diocesi di Inghilterra e Galles.
Ciascun gruppo salira' sul palco dove verra' salutato dal proprio vescovo o dal vicario generale. Nell'ora precedente l'arrivo del Papa vi sara' una presentazione sul lavoro della Chiesa attraverso charities e organizzazioni con film e testimonianze dal vivo.
Quando il Papa arrivera' sara' salutato dall'arcivescovo di Southwark, mons. Peter Smith, e comincera' la liturgia. Il Vangelo proclamato sara' quello delle beatitudini. Il Papa accendera' una candela simile a quella pasquale e la fiamma di questa verra' usata per accendere candele in mano ai rappresentanti delle parrocchie. Subito dopo la processione con il Santissimo Sacramento.
Don Andrew Headon, il coordinatore dell'evento, spera che nel suo discorso il Papa faccia riferimento a Tyburn, un posto di pubbliche esecuzioni dove molti cattolici affrontarono il martirio con la possibilita' di parlare prima di morire.
Una tradizione rimasta nello Speakers' Corner di Hyde Park dove, ancora oggi, chiunque puo' parlare in pubblico.

© Copyright (AGI)


Paparatzifan
00Wednesday, July 21, 2010 12:38 PM
Dal blog di Lella...

GB: GOVERNO RIMUOVE PETIZIONE ANTI-PAPA DAL SUO SITO WEB

(ASCA) - Roma, 20 lug

Il governo britannico ha rimosso dal proprio sito web una petizione contro la visita di papa Benedetto XVI in Gran Bretagna, prevista dal 16 al 19 settembre. La petizione chiedeva al primo ministro di dissociarsi dalle ''posizioni intolleranti'' del pontefice su gay, ricerca scientifica, condizione femminile e Aids, e di non offrire sostegno economico al suo viaggio. L'ex-primo ministro laburista, Gordon Brown, aveva incoraggiato i cittadini a lanciare petizioni - una antica tradizione della democrazia britannica - usando la piattaforma web del governo, con la promessa che se avessero raccolto un numero considerevole di firme avrebbero ricevuto una risposta ufficiale.
La petizione anti-papa aveva raccolto 12.300 firme ma il suo estensore, l'attivista dei diritti dei gay Peter Tatchell, ha spiegato che non era piu' possibile firmarla dal mese di aprile.
''L'ufficio del primo ministro aveva promesso che la petizione sarebbe rimasta aperta fino all'arrivo del papa in Gran Bretagna'', ha aggiunto.

© Copyright Asca


Paparatzifan
00Wednesday, July 28, 2010 4:41 PM
Dal blog di Lella...

PAPA: LORD PATTON, VISITA IN GB COSTERA' LA META' DEL G20

Salvatore Izzo

(AGI) - CdV, 27 lug.

Il costo della visita del Papa in Scozia e Inghilterra, in programma dal 16 al 19 settembre prossimo, sara' di circa 10-12 milioni di sterline.
Lo afferma ai microfoni della Radio Vaticana l'incaricato del primo ministro britannico per il viaggio, lord Christopher Patten, il quale sottolinea in proposito che l'anno scorso il Governo britannico ha ospitato un vertice del G20, durato un solo giorno e costato tra 19 e 20 milioni.
"Penso - spiega - che questo dovrebbe far riflettere sul fatto che tutto deve essere
mantenuto nel quadro del proprio contesto". "Si tratta - ricorda l'organizzatore - della prima visita di Stato di un Papa nel Regno Unito, giacche' il viaggio di Giovanni Paolo II del 1982 aveva avuto una dimensione esclusivamente pastorale.
Il 16 settembre, a caratterizzare la rilevanza di questa visita, Benedetto XVI sara' invece ricevuto dalla Regina Elisabetta nel Palazzo di Holyrood House ad Edimburgo".
"La gente - rileva - forse ha sottovalutato la complessita' insita nel far combaciare gli aspetti tipici di una visita di Stato e quelli relativi ad una visita pastorale. Il presidente Obama stesso non si puo' permettere di uscire ed incontrare cosi', semplicemente, centomila persone in un incontro all'aperto. Si fara' in modo che non solo la comunita' cattolica, la comunita' dei credenti, sia in grado di rapportarsi molto da vicino con il Papa nel corso di avvenimenti di tipo pastorale, e la visita sara' anche l'occasione di dimostrare che il Governo di un Paese a larga maggioranza non cattolica ha un'agenda incredibilmente vasta di possibilita' di collaborazione con la Chiesa Cattolica: l'equita' globale, cambiamenti climatici, la sostenibilita' con l'ambiente. Nel momento in cui andremo a spiegare l'importanza di questo evento, potremmo stupire quelli che inizialmente sono stati critici nei riguardi di questa visita". Per lord Patton, tuttavia, "se la gente vuole protestare pacificamente, essa ha ogni diritto di farlo". "Penso - conclude - che rappresentino una piccola minoranza della comunita'.
Quello che invece ci preoccupa molto e' garantire non soltanto la sicurezza del Santo Padre, ma anche che gli avvenimenti pastorali non siano guastati, perche' penso che questo arrecherebbe una grave offesa".

© Copyright (AGI)


Paparatzifan
00Thursday, July 29, 2010 6:59 PM
Dal blog di Lella...

PAPA IN GB: PER PRIMA VOLTA SI PAGHERA' PER MESSE E EVENTI

(ANSA) - LONDRA, 29 LUG

Per assistere ad almeno due degli eventi in programma durante la prossima visita ufficiale di Papa Benedetto XVI in Gran Bretagna, programmata dal 16 al 19 settembre, i fedeli dovranno pagare un biglietto - cosa che non accade ne' a Roma ne' all'estero - per alleviare il peso di un viaggio che si preannuncia molto dispendioso.
Secondo quanto riportato dalla stampa britannica, i due eventi a pagamento saranno la veglia di preghiera a Hyde Park a Londra il 18 settembre e la beatificazione del cardinale John Henry Newman che avverra' a Birmingham il 19. Per la prima saranno messi a disposizione 130.000 biglietti mentre per la cerimonia di beatificazione ce ne saranno 70.000.
Il biglietto costera' 25 sterline per Birmingham, pari a 30 euro, e 10 sterline per Londra.
Sul sito creato appositamente per l'evento, si avvertono i fedeli che non e' previsto viaggiare in maniera indipendente per recarsi agli eventi papali. Ci si dovra' accordare con i parroci della propria zona o con i coordinatori diocesani appositamente nominati per l'occasione.
Il Vaticano ha spiegato che il biglietto e' in realta' un 'contributo' e coloro che non possono permetterselo potranno non pagare. Il contributo prevede un 'pacchetto del pellegrino' che include le spese di trasporto.

© Copyright Ansa

PAPA/GB: FEDELI BRITANNICI DOVRANNO PAGARE PER VEDERLO

(ASCA) - Roma, 29 lug

I cattolici britannici che sperano di poter vedere papa Benedetto XVI durante uno degli eventi pubblici del suo viaggio in Gran Bretagna, come la veglia di preghiera a Hyde Park o la cerimonia di beatificazione del cardinale John Henry Newman a Birmingham, dovranno pagare per farlo. Lo riferisce la stampa anglosassone. Gli organizzatori della visita hanno infatti vietato ai fedeli singoli di partecipare 'in proprio' agli eventi papali: per farlo, e' necessario unirsi a un gruppo parrocchiale, guidati da un 'leader' del pellegrinaggio. Molti di questi gruppi, per il trasporto fino al luogo degli eventi papali, chiedono il pagamento di una quota fino a 25 sterline. In cambio, i fedeli riceveranno anche un 'kit del pellegrino'.

© Copyright Asca


MMMMMMMM... [SM=g8050] [SM=g8050] [SM=g8050] [SM=g8050] [SM=g8050] [SM=g8050] [SM=g8050] Questo inizierà una nuova polemica.
Sarebbe meglio chiedere un contributo.


Paparatzifan
00Friday, July 30, 2010 9:17 PM
Dal blog di Lella...

A messa col Papa? Si paga il biglietto

di Guido Mattioni

Un biglietto per poter pregare. «Fanno dieci sterline, please». La notizia ha già attraversato alla velocità del fulmine l’intero Commonwealth britannico. Arrivando perfino down under, come dicono con una certa spocchia gli inglesi per indicare quel pezzo di mondo che vive là sotto, a testa in giù e tra i canguri, ovvero (...)
(...) l’Australia.
La notizia è che ai partecipanti ad almeno due degli eventi in programma durante la visita pastorale che Papa Benedetto XVI compirà in Gran Bretagna dal 16 al 19 settembre prossimi, sarà chiesto di pagare un biglietto d’ingresso.
La notizia, stando a un canone classico del giornalismo, ovvero a quello dell’eccezionalità dell’accaduto o dell’accadendo, è che si tratta di una prima volta assoluta nella storia dei viaggi papali.
Ad aver reso necessaria questa scelta, presa a malincuore per i più che possibili ritorni negativi d’immagine, c’è il fatto che i costi previsti si stanno annunciando troppo alti per le finanze dell’abbastanza disastrata Chiesa cattolica del Regno Unito. Talmente alti che soltanto poche settimane fa c’era ancora chi metteva in dubbio la stessa concreta possibilità della visita papale. La stampa inglese aveva anche riportato in modo anonimo il commento di un alto prelato all’uscita da una delle prime riunioni del comitato organizzatore: «È come dover comprare un biglietto per il Titanic».
Gli eventi a pagamento, riporta con trattenuto ma evidente compiacimento quella stampa inglese che ha il dente più avvelenato nei confronti del Vaticano per via delle vicende dei preti pedofili, saranno la veglia di preghiera a Londra, in programma a Hyde Park il 18 settembre, e la beatificazione del cardinale John Henry Newman, a Birmingham, il giorno successivo. Dieci sterline saranno chieste ai fedeli per prendere parte al raduno londinese, per il quale saranno stampati 130mila tagliandi d’ingresso. Mentre per la più esclusiva cerimonia di beatificazione, quella di Birmingham, dove è prevista un’affluenza di 70mila persone, il costo del biglietto salirà a 25 sterline.
Si tratta però di prezzi, hanno precisato le autorità ecclesiastiche, che comprendono il cosiddetto «pacchetto del pellegrino», sorta di all inclusive nel quale si intendono comprese anche le spese di trasporto.
Sul sito dell’evento si avvisano infatti i fedeli che non è prevista la possibilità di viaggiare in maniera autonoma, con mezzi propri, per raggiungere i luoghi degli appuntamenti. Gli interessati dovranno quindi mettersi in contatto con i rispettivi parroci di zona, oppure con i coordinatori che sono stati nominati a questo preciso scopo nelle diverse diocesi. Dal Vaticano è giunta tuttavia la precisazione che il biglietto va considerato come un «contributo» volontario e che chi non può permettersi di affrontare questa spesa, sarà esentato dal farlo.
Una buona notizia arriva tuttavia dalla Scozia, dove il Papa si recherà il primo giorno della sua missione, il 16 settembre, per celebrare una messa al Bellahouston Park di Glasgow. Il vescovo della diocesi di Paisley, Philip Tartaglia, di evidenti origini italiane, ha precisato in una lettera inviata a tutti i suoi parroci che ai fedeli non sarà chiesta alcuna somma per il trasporto sul luogo del sacro evento. Ma al tempo stesso ha chiesto, a chi può, il sacrificio di mettere mano volontariamente al portafoglio per contribuire a coprire almeno in parte il costo della giornata papale a Glasgow, calcolato in un milione di sterline.

© Copyright Il Giornale, 30 luglio 2010


Paparatzifan
00Friday, July 30, 2010 9:50 PM
Dal blog di Lella...

PAPA/GB: DIACONO 'MIRACOLATO' DA NEWMAN LEGGERA' A MESSA BEATIFICAZIONE

(ASCA) - Roma, 30 lug

Il diacono statunitense la cui guarigione 'miracolosa' ha permesso al processo di beatificazione del card. John Henry Newman di superare l'ultimo ostacolo leggera' il Vangelo durante la messa in cui papa Benedetto XVI elevera' all'onore degli altari il teologo convertito dall'anglicanesimo.
Il 71enne Jack Sullivan, un diacono sposato, aveva invocato in preghiera l'aiuto di Newman per guarire da una grave forma di stenosi spinale nella zona lombare, per la quale venne operato (laminectomia) nell'agosto del 2001.
La beatificazione del fondatore dell'Oxford movement, anglicano convertitosi al cattolicesimo e creato quindi cardinale, e' uno dei momenti chiave del viaggio di papa Ratzinger in Gran Bretagna. Il pontefice sente molto vicino al suo il pensiero del teologo vittoriano, tanto da contravvenire alla regola da lui stesso imposta, per la quale le beatificazioni non vengono celebrate dal papa stesso, ma da un suo emissario. Sul miracolo che ha portato agli altari Newman ci sono pero' non pochi sospetti. Secondo documenti del Congregazione vaticana per le cause dei santi pubblicati dal settimanale Sunday Times, il miracolo certificato dalla Consulta medica vaticana sarebbe consistito semplicemente nell'assenza di dolore nel periodo prima dell'operazione e nel rapidissimo recupero del paziente nella fase post-operatoria.

© Copyright Asca


Paparatzifan
00Thursday, August 12, 2010 8:19 PM
Dal blog di Lella...

Lettera pastorale dell'arcivescovo Mario Joseph Conti

Iniziative spirituali a Glasgow in attesa dell'arrivo del Papa

Domenica 15 agosto a Glasgow si aprirà «uno speciale mese di iniziative spirituali» per preparare la migliore accoglienza possibile a Benedetto XVI che arriverà in Scozia giovedì 16 settembre.
Lo ha annunciato l'arcivescovo di Glasgow, monsignor Mario Joseph Conti, chiedendo a tutte le parrocchie di organizzare ciò che ritengono più opportuno per non perdere «un'opportunità unica» quale il viaggio del Papa.
Proprio in terra scozzese -- a Edimburgo, nel palazzo reale di Holyroodhouse, dove incontrerà la regina -- Benedetto XVI inizierà questa attesissima visita e, per presentarla, il presule ha scritto in questi giorni una lettera pastorale rivolgendosi direttamente «ai sacerdoti, ai diaconi, ai religiosi e ai laici». Si tratta di un «evento storico» e un «momento di grazia» per la Scozia e tutto il Regno Unito dove il Pontefice resterà fino a domenica 19 settembre. Infatti «visite del genere -- si legge nel testo -- sono un'occasione rara e questa è soltanto la seconda visita di un Papa nella lunga storia del nostro Paese. Sarà un'occasione storica. Sarà anche un momento di grazia perché Papa Benedetto è il successore di san Pietro al quale il Signore ha affidato la guida della sua Chiesa».
Monsignor Conti rileva quindi la particolare importanza che riveste il viaggio del Papa in questo difficile momento in cui la Chiesa appare sotto tiro, «sottoposta a un esame particolarmente difficile» con «il clero passato al vaglio come grano». Anche per questa ragione, afferma, «abbiamo bisogno della presenza di Pietro per sostenere la nostra fede e trovare il coraggio per affrontare le difficoltà e lenire il dolore che la Chiesa e ognuno di noi deve necessariamente provare in un mondo imperfetto e in costante mutamento». Da questa consapevolezza viene il rinnovato impegno a «predicare il Vangelo soprattutto testimoniandolo con l'integrità della nostra vita, con l'amore che mostriamo verso Dio e con il servizio reciproco».
Punto focale della visita scozzese del Papa sarà la messa nel Bellahouston Park di Glasgow, sempre giovedì 16 agosto. «Di certo -- commenta l'arcivescovo -- la nostra partecipazione implicherà difficoltà di ogni sorta, a seconda della nostra età e delle condizioni metereologiche e dei trasporti. Quanti verranno da molto lontano riceveranno da noi un contributo pari alla somma che dovranno spendere per il trasporto e per altre spese. Noi che abbiamo il privilegio di vivere vicino, accoglieremo con affetto questi pellegrini».
Dopo aver espresso apprezzamento per il «notevole entusiasmo» dimostrato dalle autorità scozzesi e locali per provvedere all'accoglienza al Papa, ha invitato a non perdere di vista «i preparativi spirituali e pastorali». Per questa ragione «le parrocchie hanno già ricevuto materiale copioso e avranno ulteriore assistenza per garantire che le ultime settimane di preparazione siano aperte alla grazia abbondante che ci aspettiamo da questa occasione». E ora sempre le parrocchie daranno vita a trenta giorni di preghiere, dialoghi, catechesi e incontri per far conoscere a tutti gli scozzesi, e non solo ai cattolici, il significato e gli obiettivi del pellegrinaggio di Benedetto XVI. L'arcivescovo Conti conclude la lettera pastorale affidando alla Madre di Dio «il successo di questa visita che renderà onore a suo Figlio e rinnoverà tutti noi nello spirito».
Nel Regno Unito Benedetto XVI compirà il suo diciassettesimo viaggio internazionale. Per un precedente bisogna tornare al 1982: dal 28 maggio al 2 giugno Giovannni Paolo II fece una visita pastorale che coincise con il ristabilmento delle piene relazioni diplomatiche tra Santa Sede e Regno Unito. Come già reso noto, dopo la giornata del 16 settembre in Scozia Benedetto XVI si trasferirà a Londra dove pernotterà per tutta la durata del viaggio. Nella capitale inglese gli incontri inizieranno venerdì 17 con i rappresentanti del mondo politico, culturale e imprenditoriale nella Westminister hall, la sede del Parlamento dove san Tommaso Moro venne condannato a morte. L'esecuzione avvenne il 6 luglio 1535, esattamente 475 anni fa. Inoltre il Papa parteciperà a una celebrazione ecumenica nella Westminster Abbey, presiederà la celebrazione eucaristica nella Westminster Cathedral e, sabato sera, la veglia di preghiera nell'Hyde Park di Londra. Domenica mattina, infine, trasferimento a Birmingham per la beatificazione di John Henry Newman al Cofton Park, prima del rientro.

(©L'Osservatore Romano - 13 agosto 2010)


+PetaloNero+
00Wednesday, August 18, 2010 3:41 PM
VIAGGIO APOSTOLICO DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVI NEL REGNO UNITO IN OCCASIONE DELLA BEATIFICAZIONE DEL CARDINALE JOHN HENRY NEWMAN (16 - 19 SETTEMBRE 2010) - PROGRAMMA


Giovedì, 16 settembre 2010

Roma

08.10
Partenza in aereo dall’Aeroporto di Roma Ciampino per Edinburgh.

Edinburgh

10.30
Arrivo all’Aeroporto Internazionale di Edinburgh.


ACCOGLIENZA UFFICIALE nell’Aeroporto Internazionale di Edinburgh.

11.00
CERIMONIA DI BENVENUTO nel Palazzo Reale di Holyroodhouse a Edinburgh.


VISITA DI CORTESIA A S.M. ELISABETH II, REGINA DEL REGNO UNITO nel Palazzo Reale di Holyroodhouse a Edinburgh.

11.40
INCONTRO CON AUTORITÀ nel Parco del Palazzo Reale di Holyroodhouse a Edinburgh. Discorso del Santo Padre.

13.00
Pranzo con il Seguito Papale nella Residenza Arcivescovile a Edinburgh.

Glasgow

17.15
SANTA MESSA nel Bellahouston Park a Glasgow. Omelia del Santo Padre.

20.00
Partenza in aereo dall’Aeroporto Internazionale di Glasgow per London.

London

21.25
Arrivo all’Aeroporto Internazionale di London Heathrow (London Borough of Hillingdon).




Venerdì, 17 settembre 2010

08.00
Santa Messa in privato nella Cappella della Nunziatura Apostolica a Wimbledon (London Borough of Merton).

10.00


INCONTRO CON IL MONDO DELL’EDUCAZIONE CATTOLICA nella Cappella e nel Campo sportivo del St Mary’s University College a Twickenham (London Borough of Richmond). Saluto e Discorso del Santo Padre.

11.30


INCONTRO CON I LEADERS DI ALTRE RELIGIONI nel Waldegrave Drawing Room del St Mary’s University College a Twickenham (London Borough of Richmond). Discorso del Santo Padre.

16.00
VISITA DI CORTESIA ALL’ARCIVESCOVO DI CANTERBURY nel Lambeth Palace (London Borough of Lambeth). Discorso del Santo Padre.

17.10


INCONTRO CON ESPONENTI DELLA SOCIETÀ CIVILE, DEL MONDO ACCADEMICO, CULTURALE E IMPRENDITORIALE, CON IL CORPO DIPLOMATICO E CON LEADERS RELIGIOSI nel Westminster Hall (City of Westminster). Discorso del Santo Padre.

18.15
CELEBRAZIONE ECUMENICA nel Westminster Abbey (City of Westminster). Discorso del Santo Padre.




Sabato, 18 settembre 2010

09.00
INCONTRO CON IL PRIMO MINISTRO nel Palazzo Arcivescovile (City of Westminster).

09.20
INCONTRO CON IL VICE-PRIMO MINISTRO nel Palazzo Arcivescovile (City of Westminster).

09.30
INCONTRO CON IL LEADER DELL’OPPOSIZIONE nel Palazzo Arcivescovile (City of Westminster).

10.00
SANTA MESSA nella Cattedrale del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo (City of Westminster). Omelia e Saluto del Santo Padre.

17.00
VISITA ALLA CASA DI RIPOSO ST PETER’S RESIDENCE (London Borough of Lambeth). Discorso del Santo Padre.

18.15


VEGLIA DI PREGHIERA PER LA BEATIFICAZIONE DEL CARDINALE JOHN HENRY NEWMAN nell’Hyde Park (City of Westminster). Discorso del Santo Padre.




Domenica, 19 settembre 2010

08.00
Congedo dalla Nunziatura Apostolica a Wimbledon (London Borough of Merton).

08.45
Partenza in elicottero dal Wimbledon Park (London Borough of Merton) per Birmingham.

Birmingham

09.30
Arrivo all’Eliporto nei pressi del Cofton Park di Rednal a Birmingham.

10.00


SANTA MESSA CON BEATIFICAZIONE DEL VENERABILE CARDINALE JOHN HENRY NEWMAN nel Cofton Park di Rednal a Birmingham. Omelia del Santo Padre. RECITA DELL’ANGELUS DOMINI. Parole del Santo Padre.

13.10
VISITA PRIVATA ALL’ORATORIO DI SAN FILIPPO NERI di Edgbaston a Birmingham.

13.45


Pranzo con i Vescovi di Inghilterra, Galles e Scozia e con i Membri del Seguito Papale nel Refettorio del Francis Martin House dell’Oscott College a Birmingham.

16.45


INCONTRO CON I VESCOVI DI INGHILTERRA, GALLES E SCOZIA nella Cappella del Francis Martin House dell’Oscott College a Birmingham. Discorso del Santo Padre.

18.15
CERIMONIA DI CONGEDO nell’Aeroporto Internazionale di Birmingham. Discorso del Santo Padre.

18.45
Partenza in aereo dall’Aeroporto Internazionale di Birmingham per Roma.

Roma

22.30
Arrivo all’Aeroporto di Roma Ciampino.


Fuso orario
Roma: + 2 UTC
Regno Unito: + 1 UTC



Paparatzifan
00Wednesday, August 18, 2010 11:14 PM
Dal blog di Lella...

PAPA: P. LOMBARDI, CON REGINA PRIMO APPUNTAMENTO IN GB

Salvatore Izzo

(AGI) - CdV, 18 ago.

L'incontro a Edimburgo con la Regina Elisabetta II sara' il primo appuntamento del viaggio apostolico del Papa nel Regno Unito dal 16 al 19 settembre prossimo, in occasione della Beatificazione del cardinale John Henry Newman.
"Si attende con grande intensita' ed emozione - ha dichiarato oggi il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi - il primo giorno, che vede subito l’incontro del Papa con Sua Maesta', la Regina". La tappa iniziale in Scozia, ha aggiunto il gesuita ai microfoni di Radio Vaticana, "rappresenta una parte importantissima di questo viaggio: il Papa arriva il giorno della festa di Saint Ninian, che e' il patrono, l’evangelizzatore della Scozia, un giorno importantissimo per gli scozzesi".
"Pensiamo - ha detto ancora Lombardi - che sara' una grande festa, un momento molto bello". Riguardo all'intero viaggio nel Regno Unito, che avra' per tema "Cor ad Cor loquitur", "Il cuore parla al cuore", e tocchera' oltre a Edimburgo anche Glasgow, Londra e Birmingham, l'auspicio formulato dal portavoce a nome del Papa e' quello di "poter ripresentare con efficacia il lato positivo, fondamentale che la Chiesa da' a una societa' di oggi, una societa' moderna, pluralistica, diciamo pure secolarizzata, che non dimentichi ma che anzi sappia apprezzare in modo nuovo il contributo positivo che la fede offre".
Alla Radio Vaticana, padre Lombardi ha risposto anche circa "le obiezioni assolutamente infondate" per i biglietti che - secondo i media - sarebbero stati messi in vendita per le cerimonie papali.
"Ho sentito parlare - ha detto - del Vaticano che chiedeva di pagare il biglietto per andare alla messa, quindi coinvolgendo anche la responsabilita' del Vaticano in scelte di carattere organizzativo molto specifiche. Questo e' assolutamente sbagliato.
Dobbiamo ricordare che il Papa va in un Paese perche' invitato, e invitato dalle piu' alte autorita' dello Stato – dalla Regina e dal governo – ed e' invitato dalla Chiesa locale. Quindi, i costi, gli impegni organizzativi della visita sono naturalmente di chi invita. Non e' il Papa che si auto-organizza un viaggio in Inghilterra.
Quindi, prima cosa: il Vaticano non ha stabilito nulla di questo. Si tratta di modalita' organizzative affrontate sul luogo dalla Chiesa locale, ma tenendo conto di tutti i molti vincoli di carattere organizzativo imposti dalle autorita' civili. Per esempio, in questo caso abbiamo la situazione non comune che le persone non possono andare liberamente a piedi al luogo dei grandi eventi, dei tre principali eventi pubblici: devono andare con mezzi di trasporto organizzati e bisogna che tutti i posti siano assegnati con un numero assolutamente preciso".
Il 17esimo viaggio internazionale, di Papa Ratzinger avra' inizio in Scozia, nella mattinata del 16 settembre, con la visita di cortesia alla Regina Elisabetta II nel Palazzo reale di Holyroodhouse ad Edimburgo. Evento a cui fara' seguito un discorso del Pontefice alle autorita'.
Nel pomeriggio, il Papa si rechera' a Glasgow dove celebrera' una Messa nel Bellahouston Park. In serata, quindi, si trasferira' a Londra. Particolarmente intensa la giornata del 17 settembre che iniziera' con l'incontro del Papa con il mondo dell'educazione cattolica nella St. Mary University di Twickenham. Sempre qui, in tarda mattinata, incontrera' i leader delle altre religioni. Nel pomeriggio, Benedetto XVI si rechera' in visita di cortesia dall'arcivescovo di Canterbury, dottor Rowan Williams, a Lambeth. Successivamente, il Papa terra' un discorso agli esponenti della societa' civile britannica nella Westminster Hall. La seconda giornata del viaggio si concludera' con una celebrazione ecumenica nella Westminster Abbey. Sabato 18 settembre, il Papa incontrera' nel palazzo arcivescovile il primo ministro, il vice-ministro e il leader dell’opposizione. Quindi, sempre nella mattinata, celebrera' la Messa nella Cattedrale del Preziosissimo Sangue di Gesu'. Nel pomeriggio, il Papa visitera' la Casa di Riposo St. Peter e la sera presiedera' una Veglia per la Beatificazione del cardinale Newman ad Hyde Park. Domenica 19 settembre, giornata conclusiva del viaggio, il Papa si trasferira' a Birmingham dove celebrera' la Messa di Beatificazione del cardinale Newman nel Cofton Park e visitera' l'Oratorio di San Filippo Neri. Nel pomeriggio, prima del ritorno a Roma, Benedetto XVI avra' infine un incontro con i vescovi di Inghilterra, Galles e Scozia.
"Il viaggio - ha commentato padre Lombardi - si presenta dunque particolarmente intenso e a piu' dimensioni: pastorale, ecumenica, ma anche sociale e culturale". In proposito, il portavoce ha voluto segnalare "il grande discorso del Papa nella Westminster Hall, l'incontro con la societa', con il mondo della cultura, con tutte le componenti piu' attive ed autorevoli della societa' inglese. Questo certamente sara' un momento guardato con grande attenzione. Il Papa si rivolgera', con un orizzonte estremamente ampio, ai problemi della societa' del Regno Unito nel mondo di oggi". Padre Lombardi ha voluto segnalare anche "la dimensione ecumenica, quindi l'incontro con il Primate anglicano, l'arcivescovo di Canterbury: la celebrazione ecumenica ha certamente un grande significato. Sappiamo anche che e' un momento delicato per l'anglicanesimo, per i dibattiti interni. Ed e' un momento delicato anche per i rapporti con la Chiesa cattolica, perche' i dibattiti interni si riflettono anche sul rapporto tra gli anglicani ed i cattolici". Per Lombardi sara' rilevante anche "il momento conclusivo che si svolge in due momenti: la veglia a Hyde Park, a Londra, e la Beatificazione a Birmingham dedicate alla figura di Newman, la grande figura, che e' un po' il cuore spirituale di questa visita, il viaggio: il Papa ha accolto l'invito proprio in occasione della Beatificazione di Newman, una figura affascinante proprio per la sua ampiezza, per la dimensione non solo intellettuale e culturale ma anche pastorale. La sua capacita' di dare l'idea della completezza dell'impegno culturale nel mondo di oggi e' qualcosa di molto grande e di molto affascinante: una figura privilegiata per presentare alla societa' moderna la dignita' della testimonianza cristiana come capace di affrontare i problemi e le domande piu' grandi dell'uomo di oggi".

© Copyright (AGI)


+PetaloNero+
00Thursday, August 19, 2010 12:08 AM
Nel Regno Unito, il Papa mostrerà la bellezza della fede
Il commento del portavoce vaticano, padre Federico Lombardi





ROMA, mercoledì, 18 agosto 2010 (ZENIT.org).- Il prossimo viaggio del Papa in Gran Bretagna sarà l'occasione per presentare con efficacia il contributo positivo e la bellezza della fede cristiana e della Chiesa cattolica a una società secolarizzata come quella inglese. E' quanto ha affermato il direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi.


In una intervista alla Radio Vaticana, il sacerdote gesuita, nell'evidenziare alcuni degli aspetti salienti legati alla visita che Benedetto XVI compirà dal 16 al 19 settembre prossimo, ha detto che “certamente si attende con grande intensità ed emozione il primo giorno, che vede subito l’incontro del Papa con Sua Maestà, la Regina. E’ anche il giorno dell’incontro con la Scozia, che è una parte importantissima di questo viaggio”.

“Vorrei ricordare, inoltre, che il giorno in cui il Papa si trova in Scozia è il giorno della festa di Saint Ninian, che è il patrono, l’evangelizzatore della Scozia. E’ quindi un giorno importantissimo per gli scozzesi”, ha aggiunto.

Poi ci sarà “il grande discorso del Papa nella Westminster Hall, l’incontro con la società, con il mondo della cultura, con tutte le componenti più attive ed autorevoli della società inglese. Questo certamente sarà un momento guardato con grande attenzione”.

Da non sottovalutare la portata ecumenica del viaggio, che prevede l’incontro tra il Papa e il Primate anglicano, l’Arcivescovo di Canterbury.

“La celebrazione ecumenica – ha commentato padre Lombardi – ha certamente un grande significato. Sappiamo anche che è un momento delicato per l’anglicanesimo, per i dibattiti interni. Ed è un momento delicato anche per i rapporti con la Chiesa cattolica, perché i dibattiti interni si riflettono anche sul rapporto tra gli anglicani ed i cattolici”.

Quindi il momento conclusivo con la veglia a Hyde Park, a Londra, e la beatificazione a Birmingham dedicate alla figura di Newman che, secondo padre Lombardi, rappresenta un po’ “il cuore spirituale di questa visita” anche per il legame speciale che unisce il Santo Padre a questo poeta e pastore anglicano, successivamente accolto nella Chiesa cattolica e creato Cardinale da Leone XIII.

Un legame, ha spiegato il portavoce vaticano, visibile nella “sintesi profonda tra fede e ragione” e “nel vivere la testimonianza cristiana nel mondo di oggi, nel mondo moderno, dando tutte le ragioni della fede cristiana per coloro che le chiedono, rendere ragione della nostra speranza nel mondo di oggi”.

Rigurdo la questione dei cosiddetti “biglietti” per partecipare ad alcuni eventi della visita, come ad esempio la veglia a Hyde Park, padre Lombardi ha fatto notare che “i costi, gli impegni organizzativi della visita sono naturalmente di chi invita. Non è il Papa che si auto-organizza un viaggio in Inghilterra. Quindi, prima cosa: il Vaticano non ha stabilito nulla di questo”.

La necessità di chiedere un “contributo” per partecipare ai tre principali eventi pubblici deriva dal fatto che le persone dovranno usufruire di mezzi di trasporto organizzati e quindi le autorità ecclesiali hanno dovuto fornire “un 'pass', un passaporto specifico ad ogni fedele che partecipa” e “un piccolo 'kit' di servizio – anche pastorale e logistico –”.

Riguardo invece alle novità rispetto alla visita in Gran Bretagna di 30 anni fa di Giovanni Paolo II, padre Lombardi ha sottolineato che la situazione è molto cambiata, così come “l’impostazione della visita stessa, che ha un suo aspetto di visita di Stato con invito ufficiale da parte della Regina e del governo, mentre quella di Giovanni Paolo II era più specificamente pastorale”.

“Direi che quello che ci si attende – ha continuato –, che si può desiderare, sperare veramente da questa visita è il fatto di far capire, presentare il servizio della fede cristiana e il servizio della Chiesa cattolica per una società molto sviluppata ma anche molto secolarizzata, come quella del Regno Unito”.

“Una realtà – ha detto ancora – dove forse anche molte persone si interrogano sul valore della testimonianza cristiana e della testimonianza cattolica nella società. Quindi, far cogliere che questa è un dono per la società, una ricchezza che viene offerta con il suo servizio di ispirazione spirituale ma anche, poi, di impegno nel campo educativo, nel campo della salute, della carità è qualcosa di molto importante”.

“Noi ci auguriamo – ha concluso – che anche questo viaggio sia veramente una manifestazione della bellezza, della positività del servizio del Santo Padre nella società, tanto più in tempi in cui abbiamo anche avuto momenti di contestazione”.












Il Papa incontrerà il 16 settembre a Edimburgo Elisabetta II
Pubblicato il programma della visita apostolica nel Regno Unito




ROMA, mercoledì, 18 agosto 2010 (ZENIT.org).- La Sala Stampa della Santa Sede ha pubblicato questo mercoledì il programma della visita apostolica del Papa nel Regno Unito – il 17° viaggio internazionale –, che si svolgerà dal 16 al 19 settembre prossimo, in occasione della Beatificazione del Cardinale John Henry Newman (1801-1890).

La visita del Papa avrà inizio in Scozia, nella mattinata del 16 settembre, con la visita di cortesia alla Regina Elisabetta II nel Palazzo reale di Holyroodhouse ad Edimburgo. In seguito il Papa terrà un discorso alle autorità. Nel pomeriggio, Benedetto XVI si recherà a Glasgow dove celebrerà una Messa nel Bellahouston Park. In serata, quindi, si trasferirà a Londra.

La giornata del 17 settembre inizierà, invece, con l’incontro del Papa con il mondo dell’educazione cattolica nella St. Mary University di Twickenham. Sempre qui, in tarda mattinata, incontrerà i leader delle altre religioni. Nel pomeriggio, Benedetto XVI si recherà in visita di cortesia dall’Arcivescovo di Canterbury, a Lambeth. Successivamente, il Papa terrà un discorso agli esponenti della società civile britannica nella Westminster Hall. La seconda giornata del viaggio si concluderà con una celebrazione ecumenica nella Westminster Abbey.

Sabato 18 settembre, il Papa incontrerà nel palazzo arcivescovile il primo ministro, David Cameron, il vice-ministro, Nick Clegg, e il leader dell’opposizione, Harriet Harman. Quindi, sempre nella mattinata, celebrerà la Messa nella Cattedrale del Preziosissimo Sangue di Gesù. Nel pomeriggio, il Papa visiterà la Casa di Riposo St. Peter e la sera presiederà una veglia per la beatificazione del Cardinale Newman ad Hyde Park.

Domenica 19 settembre, giornata conclusiva del viaggio, il Papa si trasferirà a Birmingham dove celebrerà la Messa di beatificazione del Cardinale Newman nel Cofton Park e visiterà l’Oratorio di San Filippo Neri. Nel pomeriggio, prima di fare ritorno a Roma, Benedetto XVI avrà un incontro con i Vescovi di Inghilterra, Galles e Scozia.

Paparatzifan
00Friday, August 20, 2010 11:51 AM
Dal blog di Lella...

Reso noto il programma del viaggio che si svolgerà dal 16 al 19 settembre

Il Papa nel Regno Unito per beatificare John Henry Newman

A un mese dal suo inizio, sono stati messi a punto gli ultimi dettagli della prossima visita del Papa nel Regno Unito.
Il programma definitivo reso noto mercoledì 18 agosto dalla Sala Stampa della Santa Sede conferma quello già anticipato nelle settimane scorse, offrendo gli orari e le tappe dell'itinerario del Pontefice nelle quattro giornate - da giovedì 16 a domenica 19 settembre - che egli trascorrerà in Gran Bretagna.
Nel suo diciassettesimo viaggio internazionale, che avrà come tema Cor ad cor loquitur, "Il cuore parla al cuore" - ispirato al motto cardinalizio di John Henry Newman - Benedetto XVI visiterà quattro città: Edimburgo, Glasgow, Londra e Birmingham. Sedici in tutto i discorsi previsti, comprese omelie e saluti. "Il programma è molto ricco, intenso, articolato" ha commentato il direttore della Sala Stampa, il gesuita Federico Lombardi, presentando ai microfoni della Radio Vaticana i momenti più importanti della visita. A cominciare dall'incontro con la regina Elisabetta ii, in programma nella mattina di giovedì 16.
Il Papa - che partirà dall'aeroporto di Roma Ciampino poco dopo le 8 - giungerà intorno alle 10.30 allo scalo internazionale di Edimburgo, dove avrà luogo l'accoglienza ufficiale. Quindi raggiungerà il palazzo reale di Holyroodhouse per la cerimonia di benvenuto. Successivamente la visita alla regina: un momento - ha sottolineato Lombardi - che "si attende con grande intensità ed emozione". Al termine, nel parco del palazzo reale, il Pontefice pronuncerà il primo discorso rivolgendosi alle autorità del Paese. La mattinata si concluderà con il pranzo nella residenza arcivescovile.
Nel pomeriggio di giovedì Benedetto XVI si trasferisce a Glasgow, dove presiede la prima messa del viaggio nel Bellahouston park. Sarà un momento di preghiera e di spiritualità molto importante per i cattolici del Paese, anche in considerazione del fatto che proprio quel giorno ricorre la festa di san Ninian, patrono ed evangelizzatore della Scozia. A conclusione della celebrazione, dall'aeroporto internazionale di Glasgow, il Papa partirà alla volta di Londra, dove giungerà in serata.
La successiva giornata di venerdì comincerà con la messa celebrata in privato dal Pontefice nella cappella della nunziatura apostolica a Wimbledon. Quindi, alle 10, l'incontro con il mondo dell'educazione cattolica del Paese, nella cappella e nel campo sportivo del Saint Mary's university college, a Twickenham. Subito dopo, nella Waldegrave drawing room dello stesso college, Benedetto XVI rivolgerà un discorso ai capi e ai responsabili delle altre comunità religiose presenti nel Paese.
La visita all'arcivescovo di Canterbury, nel Lambeth palace, aprirà il pomeriggio di venerdì. Poco dopo le 17, il viaggio vivrà uno dei suoi momenti più significativi con l'incontro tra il Papa e gli esponenti della società civile, del mondo accademico, culturale e imprenditoriale, i membri del corpo diplomatico e i leader religiosi, nella Westminster hall. Sarà un'occasione di riflessione per tutte le componenti più attive e autorevoli della società inglese, alle quali il Pontefice rivolgerà un discorso ad ampio raggio, che toccherà i temi più attuali della vita sociale e culturale del Regno Unito. Anche la successiva celebrazione ecumenica, che avrà luogo nella Westminster abbey, costituirà un momento importante di verifica e di dialogo nei rapporti tra la comunità cattolica e la comunione anglicana.
L'incontro con il primo ministro David Cameron, nel palazzo arcivescovile, sarà il primo di una serie di colloqui che Benedetto XVI avrà, nella mattina di sabato 18, con i maggiori esponenti politici inglesi.
Dopo il premier il Papa vedrà il vice primo ministro Nick Clegg e il leader dell'opposizione. Alle 10 la messa del Pontefice nella cattedrale del Preziosissimo sangue di nostro Signore Gesù Cristo.
Nel pomeriggio, alle 17, dopo la visita alla casa di riposo St Peter's residence, il momento centrale del viaggio - la beatificazione del cardinale Newman - avrà un prologo suggestivo nella veglia di preghiera che Benedetto XVI presiederà nell'Hyde park. Nel suo discorso il Papa anticiperà quelli che saranno i temi spirituali e pastorali dell'omelia del giorno successivo, domenica 19, quando - dopo essersi congedato dalla nunziatura apostolica - partirà in elicottero dal Wimbledon park alla volta dell'eliporto nei pressi del Cofton park di Rednal, a Birmingham, dove celebrerà la messa e proclamerà beato il grande pensatore e teologo.
La mattinata di domenica si conclude con la visita all'oratorio di San Filippo Neri, che sorge a Edgbaston, e il pranzo con i vescovi di Inghilterra, Galles e Scozia, e con i membri del seguito papale nel refettorio della Francis Martin house dell'Oscott college. Agli stessi presuli Benedetto XVI rivolgerà un discorso nell'incontro previsto nel primo pomeriggio, prima di raggiungere l'aeroporto internazionale di Birmingham, dove avrà luogo la cerimonia di congedo. La partenza è prevista intorno alle 18.45, mentre l'arrivo allo scalo romano di Ciampino avverrà alle 22.30.
Il Regno Unito si prepara dunque ad accogliere Benedetto XVI a quasi trent'anni dalla precedente visita di Giovanni Paolo II, che si svolse dal 28 maggio al 6 giugno 1982.
"I viaggi di quest'anno del Santo Padre, quello di Malta, del Portogallo, di Cipro - ha evidenziato padre Lombardi - sono stati viaggi molto positivi. Noi ci auguriamo che anche questo viaggio sia veramente una manifestazione della bellezza, della positività del servizio del Santo Padre nella società, tanto più in tempi in cui abbiamo anche avuto momenti di contestazione. L'auspicio è di poter ripresentare con efficacia il lato positivo, fondamentale che la Chiesa dà a una società di oggi, una società moderna, pluralistica, diciamo pure secolarizzata, che non dimentichi ma che anzi sappia apprezzare in modo nuovo il contributo positivo che la fede offre".
Quanto, infine, agli aspetti più strettamente organizzativi, c'è da registrare un ulteriore chiarimento da parte del direttore della Sala Stampa della Santa Sede sulla questione dei "biglietti" previsti per partecipare ad alcuni degli avvenimenti della visita, come la veglia di preghiera in Hyde park. Già il coordinatore del viaggio papale, monsignor Summersgill, nei giorni scorsi aveva puntualizzato che si tratta, in realtà, di un contributo non obbligatorio per i fedeli. Padre Lombardi ha precisato che "gli impegni organizzativi della visita sono naturalmente di chi invita" e, di conseguenza, "il Vaticano non ha stabilito nulla di questo". Si tratta - ha spiegato - "di modalità organizzative affrontate sul luogo dalla Chiesa locale, ma tenendo conto di tutti i molti vincoli di carattere organizzativo imposti dalle autorità civili".
In questo senso, i principali eventi pubblici della visita prevedono la predisposizione di mezzi di trasporto adeguati agli spostamenti di una gran massa di fedeli e la realizzazione di adeguate misure di sicurezza, tra le quali un pass particolare e un piccolo kit logistico per ogni partecipante. Da qui deriva la richiesta di un piccolo contributo a ogni gruppo che si organizza per prendere parte all'avvenimento.

(©L'Osservatore Romano - 20 agosto 2010)


Paparatzifan
00Friday, August 20, 2010 12:03 PM
Dal blog di Lella...

L'Inghilterra si prepara ad accogliere Benedetto XVI

«Il cuore parla al cuore»

di Vincent Gerard Nichols
Arcivescovo di Westminster
presidente della Conferenza episcopale
di Inghilterra e Galles (Gran Bretagna)

La visita di Benedetto XVI nel Regno Unito è, senza dubbio, un evento storico.
L'invito gli è stato rivolto da sua maestà la regina Elisabetta ii. E sarà proprio lei ad accogliere il Papa al suo arrivo, il 16 settembre prossimo, a Edimburgo. Questa visita, quindi, segna una nuova fase nella lunga e complessa storia delle relazioni tra i monarchi di questa terra e il papato.
Il Pontefice e la regina condividono alcune profonde preoccupazioni: per il benessere dei popoli del mondo, per il ruolo dei valori e dell'insegnamento cristiani, per l'importanza di avere istituzioni stabili a beneficio della società. Sono certo che avranno molto su cui riflettere durante il tempo che trascorreranno insieme.
La prima messa del Papa in terra britannica sarà celebrata lo stesso giorno dell'arrivo, a Glasgow. Il giorno successivo, a Londra, sarà invece dedicato all'incontro con diverse realtà sociali. Si comincia con un evento che celebra l'educazione cattolica e il ruolo che essa riveste nel sistema di istruzione di questo Paese. Benedetto XVI avrà modo di rivolgersi a ogni scuola del territorio, grazie a una connessione internet, e inviterà i bambini, ovunque essi si trovino, a seguire gli eventi della sua visita e a sostenerlo con le loro preghiere.
Il Saint Mary's university college, a Twickenham, dove l'evento avrà luogo, è anche una sede di allenamento per i prossimi giochi olimpici del 2012. Questo aggiungerà un'altra dimensione all'avvenimento, facendo leva sull'interesse per lo sport, comune a molte persone. Benedetto XVI incontrerà poi varie personalità a capo di diversi settori e imprese, essi stessi uomini e donne di fede, appartenenti alle diverse confessioni presenti in questo Paese. Parlerà con loro dell'importanza di Dio come guida formativa e ispiratrice per il bene comune.
Nel pomeriggio il Pontefice si recherà a Lambeth Palace, residenza dell'arcivescovo di Canterbury, e poi a Westminster Hall, la grande sala storica nel cuore di Londra. Lì si rivolgerà alle guide politiche, civili, diplomatiche e imprenditoriali del Regno Unito. Westminster Hall è il luogo in cui san Tommaso Moro fu condannato a morte nel 1535 per avere aderito alla fede cattolica. L'evento avrà una grande risonanza, non solo per la sua valenza storica ma anche per la sua attualità. La giornata si concluderà nell'abbazia di Westminster, con la recita della preghiera dei vespri insieme a tutte le diverse comunità cristiane del Regno Unito. Il Papa e l'arcivescovo di Canterbury pregheranno insieme sulla tomba di sant'Edoardo il Confessore, re d'Inghilterra morto nel 1066, e rifondatore dell'abbazia di Westminster. Egli rappresenta le profonde e comuni radici cristiane di queste terre.
Il giorno successivo, il Papa celebrerà la messa nella cattedrale di Westminster, farà visita a un istituto per la cura degli anziani e dei moribondi e pregherà a Hyde Park, grande spazio aperto nel cuore di Londra.
Domenica 19 Benedetto XVI andrà a Birmingham per la celebrazione della messa e la beatificazione del venerabile John Henry Newman. Questo è un momento importantissimo della visita. La beatificazione del cardinale Newman porta al cospetto della Chiesa uno studioso di grande levatura, uno scrittore e poeta dai meriti considerevoli, un prete di parrocchia profondamente amato da tutti quelli che lo conoscevano. Era un uomo che capiva come mente e cuore dovessero andare di pari passo nelle grandi imprese della vita, la più grande delle quali è la ricerca di Dio e della relazione salvifica con Lui.
Newman parlava e scriveva con eloquenza della sua ricerca interiore personale e della gioia che essa porta. Egli esprimeva il vuoto della vita senza Dio in questi termini: "Se guardassi in uno specchio e non vedessi il mio volto, proverei il tipo di sentimento che in effetti si impadronisce di me ogniqualvolta esamino questo mondo frenetico e non vi vedo il riflesso del suo Creatore".
La speranza generale che nutriamo per questa visita può essere espressa in termini molto semplici. Auspichiamo che la presenza illuminante e le parole di Benedetto XVI aiutino molti nelle nostre terre a comprendere che la fede in Dio non è un problema da risolvere, ma un dono da riscoprire. Per molti nella nostra società, la fede è divenuta un problema, qualcosa da tenere nascosto o da rimuovere dalla vita pubblica. Tuttavia la verità è molto diversa: la fede in Dio porta grande ricchezza e gioia agli uomini. È la liberazione e la guida che cerchiamo, motivo di ispirazione e di perseveranza, fonte di perdono e compassione.
L'invito alla fede è, naturalmente, profondamente personale. Per questa ragione, il motto scelto per questa visita papale è lo stesso motto scelto da John Henry Newman per il suo stemma cardinalizio: "Il cuore parla al cuore".

(©L'Osservatore Romano - 20 agosto 2010)


Paparatzifan
00Tuesday, August 31, 2010 7:21 PM
Dal blog di Lella...

PAPA IN GB: EX PRIMATE ANGLICANO, SIA IL BENVENUTO TRA NOI

Salvatore Izzo

(AGI) - Londra, 31 ago.

"Papa Benedetto sia il benvenuto in Gran Bretagna".
Lo afferma lord George Carey, ex primate anglicano che, in un messaggio, sottolinea "il ruolo positivo della Chiesa Cattolica per la societa' britannica". Ne da' notizia la Radio Vaticana sottolineando che "a due settimane dal viaggio del Papa nel Regno Unito, cresce dunque l'attesa per un evento che coinvolgera' non solo la comunita' cattolica, ma tutto il Paese".

© Copyright (AGI)

PAPA IN GB: ARCIVESCOVO WESTMINSTER, SARA' ELEGANTE E RISPETTOSO

Salvatore Izzo

(AGI) - CdV, 31 ago.

"Personalmente, attendo la visita con gioia e con grande partecipazione, poiche' la presenza del Papa qui in Inghilterra sara' un momento molto importante per la vita della fede. Questo perche' Benedetto XVI e' un protagonista elegante, pieno di rispetto per tutti. Penso che il pubblico inglese, scozzese e gallese ricevera' il Santo Padre con un affetto che crescera' certamente durante la visita".
Lo afferma ai microfoni della Radio Vaticana l'arcivescovo di Westminster, mons. Vincent Nichols, presidente della Conferenza Episcopale d'Inghilterra e Galles.
"Per noi - spiega il presule - e' un momento storico, anche perche' per la prima volta in 500 anni verra' beatificata in Gran Bretagna una persona non martire. Newman e' un figura importante della cultura inglese e il suo 'viaggio' dalla Chiesa anglicana alla Chiesa romana ha rappresentato una cosa mirabile per il suo tempo. Newman aveva la capacita' di spiegare questo viaggio di fede. E' certamente una figura della letteratura, una figura di educazione". "Per tutte queste ragioni, questa Beatificazione e' molto importante", mentre "sul fronte ecumenico, ci saranno due momenti. Il primo sara' caratterizzato dalla visita del Santo Padre al Lambeth Palace e l'incontro personale con l'arcivescovo di Canterbury, perche' in questo periodo le relazioni tra le nostre Chiese sono in un momento delicato. Il secondo momento sara' nella Westminster Abbey, quando il Santo Padre preghera' insieme con tutti i cristiani di questo Paese. Ci sono tanti cattolici di diversi riti, ci sono tante diverse Chiese e tutti saranno insieme per questa preghiera della sera". Riguardo allo slogan scelto insieme ai vescovi locali, "Il cuore parla al cuore", il primate cattolico sottolinea che "la lingua del cuore e' anche la lingua delle immagini, dei momenti piu' che degli argomenti. Questa visita sara' piena di momenti iconici, di momenti simbolici che parleranno direttamente al cuore. Il Santo Padre - infatti - ha la capacita' di parlare in modo molto personale ed attrattivo. E ha la capacita' di parlare dal suo cuore con immagini e con frasi molto nobili. Credo - conclude Nichols - che questo avverra' anche con noi in Inghilterra".

© Copyright (AGI)


Paparatzifan
00Thursday, September 2, 2010 9:22 PM
Dal blog di Lella...

S.SEDE-ISRAELE:PERES DONA AL PAPA LA MENORAH E SMENTISCE LEGGENDA

Salvatore Izzo

(AGI) - Castelgandolfo, 2 set.

Il presidente israeliano Shimon Peres ha donato al Papa una Menorah d'argento, alta 30 centimetri.
Nella dedica incisa alla base di questo particolare candelabro ebraico, che e' venerato in tutte le sinagoghe, Benedetto XVI e' definito "il pastore che cerca di guidarci nei territori della pace e della benedizione".
La scelta del dono - consegnato dal capo di Stato al termine del colloquio privato - e' molto significativa in quanto completa la simbologia iniziata lo scorso maggio con il gesto compiuto insieme da Peres e Ratzinger di piantare un ulivo. Infatti la Menorah e l'ulivo come simboli di pace sono presenti nella visione del profeta Zaccaria: questi vide appunto una Menorah con a fianco due alberi di ulivo che fornivano d'olio sette lampade come fossero gli occhi di Dio abbraccianti la terra, come Logos, Luce del mondo, e tra le fiamme apparivano sette parole che un angelo aiuto' a decifrare: "Non con l'esercito, ne' con la forza ma con il mio spirito".
La Menorah che venne custodita dal popolo ebraico nell'Esodo non e' mai stata ritrovata. Per gli archeolgi sarebbe quella scolpita sull'arco di Tito 70 a. C.: da qui la leggenda che vorrebbe fosse giunta a Roma e poi nascosta in Vaticano. La stessa tesi, assolutamente falsa, e' sostenuta anche da chi ritiene che sia stata portata a Costantinopoli, poi trafugata dai vandali, quindi seppellita a Rennes le Chateau, o, secondo altri, giunta in Africa e, poi comunque riportata da Belisario a Costantinopoli. Da qui sarebbe infine finita nei forzieri del Vaticano o ancora sarebbe in fondo al Tevere, gettatavi da portuali ebrei che lavoravano al porto di Ostia, affinche' non finisse in mani pagane.
Papa Ratzinger ha risposto al dono di Peres con una medaglia di bronzo collocata all'interno di una cornice di travertino, copia della medaglia posta da Papa Alessandro VII, nel 1657, all'interno della prima pietra del colonnato nord della basilica di San Pietro. Sulla medaglia e' inciso il progetto iniziale di sistemazione di piazza san Pietro, disegnato da Bernini. Il colloquio privato e' durato circa 40 minuti e in precedenza Pers aveva incontrato per 30 minuti il segretario di Stato Tarcisio Bertone e il ministro degli Esteri vaticano, mons. Dominique Mamberti. Entrmbi gli incontri sono stati precedutida un giro nei giardini della residenza estiva del Papa a Castelgandolfo.
Guidato dal direttore delle Ville Pontificie, prof. Saverio Petrillo, il presidente si e' soffermato in particolare presso i ruderi della villa di Domiziano e nel giardino del Belvedere luoghi dove, durante la Seconda Guerra Mondiale, trovo' rifugio la popolazione di Albano vittima dei bombardamenti ma anche numerosi ebrei che grazie all'ospitalita' offerta da Pio XII poterono sfuggire alla deportazione.

© Copyright (AGI)


Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:54 AM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com